[cc-it] [community] collection nelle 4.0

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Lun 28 Set 2015 11:34:09 EDT


> Sempre circa il poter distribuire l'opera in CC anche all'interno di una
> raccolta, segnalo anche l"'interpretazione autentica" che CC fornisce nelle
> FAQ, in cui si esplicita come detta possibilità valga anche per le 4.0:
> https://wiki.creativecommons.org/wiki/Frequently_Asked_Questions#If_I_create_a_collection_that_includes_a_work_offered_under_a_CC_license.2C_which_license.28s.29_may_I_choose_for_the_collection.3F

Ho visto. E in effetti lì si dice "All Creative Commons licenses
(including the version 4.0 licenses) allow licensed material to be
included in collections such as anthologies, encyclopedias, and
broadcasts. You may choose a license for the collection, however this
does not change the license applicable to the original material."
Non sono mica tanto convinto di quel "including the version 4.0
licenses" perché poi nella licenza non ve n'è traccia. E in
ordinamenti come il nostro, in cui il diritto di pubblicare le opere
in raccolta è un diritto a sé stante, questo può essere un problema;
perché se un diritto non è espressamente licenziato rimane al titolare
in vie esclusiva e dunque devo chiedere il permesso per quello
specifico utilizzo.
Non capisco che cosa gli costava lasciarlo... Boh.

[NB: è anche mea culpa che non ho notato la cosa all'epoca della
discussione delle bozze]

Un caro saluto.
--
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org | http://www.array.eu
--
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org | http://www.array.eu


Il 28 settembre 2015 17:10, Claudio Artusio <claudioartusio at gmail.com>
ha scritto:
> Ciao Simone, ciao a tutti.
>
> Nei commenti a questa news, Kat Walsh (che ha fatto parte del legal
> team di CC durante il processo di porting) risponde all'osservazione
> di un'utente che si poneva proprio il tuo stesso quesito:
> http://creativecommons.org/weblog/entry/40768
>
> Personalmente non ricordo discussioni particolari sul perché si sia
> giunti a rimuovere il riferimento alle collection, nel corso del
> drafting delle 4.0.
> Si può compulsare la pagina wiki sulle 4.0 e vedere se il profilo che
> segnali sia stato documentato in qualche modo.
> Ad una veloce ricerca, qui se ne parla ("In 4.0, reference to
> distribution in a collection was removed from the license as
> unnecessary. There is no change from previous versions, however."):
> https://wiki.creativecommons.org/wiki/License_Versions#Licensing_of_collections
>
> Sempre circa il poter distribuire l'opera in CC anche all'interno di
> una raccolta, segnalo anche l"'interpretazione autentica" che CC
> fornisce nelle FAQ, in cui si esplicita come detta possibilità valga
> anche per le 4.0:
> https://wiki.creativecommons.org/wiki/Frequently_Asked_Questions#If_I_create_a_collection_that_includes_a_work_offered_under_a_CC_license.2C_which_license.28s.29_may_I_choose_for_the_collection.3F
>
> My 2 cents
>
> A presto!
>
> Claudio
>
> 2015-09-28 14:29 GMT+02:00 Simone Aliprandi <simone.aliprandi at gmail.com>:
>> Per rispondere a TUTTA LA LISTA, utilizzate il comando 'Rispondi a tutti' o 'Rispondi alla lista';
>> con il comando 'Rispondi', invece, risponderete solo all'autore del messaggio.
>> -------------------------------------------------------------------
>>
>>
>> Scusate... come sapete ogni tanto mi partono elucubrazioni deliranti
>> che poi mi viene spontaneo condividere qui...
>> ma stavo leggendo la definizione di "Adapted material" nelle licenze
>> CC 4.0 (che va a sostituire la definizione "Adaptation" presente nelle
>> 3.0). Eccola:
>>
>> "Adapted Material means material subject to Copyright and Similar
>> Rights that is derived from or based upon the Licensed Material and in
>> which the Licensed Material is translated, altered, arranged,
>> transformed, or otherwise modified in a manner requiring permission
>> under the Copyright and Similar Rights held by the Licensor. For
>> purposes of this Public License, where the Licensed Material is a
>> musical work, performance, or sound recording, Adapted Material is
>> always produced where the Licensed Material is synched in timed
>> relation with a moving image."
>>
>> E fin qui siamo d'accordo.
>> Resta fuori la "collection", corrispondente al nostro "diritti di
>> pubblicare le opere in raccolta" previsto dall'art. 18 LDA come
>> particolare forma di "derivazione/rielaborazione".
>>
>> Nelle CC 3.0 la "collection" era comunque disciplinata da apposita
>> clausola che precisava:
>> "A work that constitutes a Collection will not be considered an
>> Adaptation (as defined below) for the purposes of this License."
>>
>> E subito sotto le CC 3.0 definivano la Collection come sempre libera
>> (anche nelle licenze ND), stabilendo:
>> "[you are free] to Distribute and Publicly Perform the Work including
>> as incorporated in Collections."
>>
>> Ora... guardando bene il testo delle CC 4.0 non vedo alcun riferimento
>> alla collection. Quindi, se è così, con il passaggio alle 4.0 ci siamo
>> persi una libertà importante che invece le 3.0 avevano sempre
>> garantito.
>>
>> Qualcuno ha elementi da aggiungere (e possibilmente utili a smentirmi)?
>>
>> Grazie. ciao, Simone
>> --
>> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org | http://www.array.eu
>> _______________________________________________
>> Questa e' la lista community (community at creativecommons.it)
>> Per informazioni su questa lista visitate
>> https://creativecommons.it/cgi-bin/mailman/listinfo/community
>> Le altre liste gestite dal gruppo di lavoro Creative Commons Italia sono elencate qui: http://creativecommons.it/Liste
>
>
>
> --
> Claudio Artusio
> Fellow Centro Nexa su Internet & Società
> Politecnico di Torino – DAUIN


Maggiori informazioni sulla lista cc-it