[cc-it] Licenza CC su archivio storico La Stampa

J.C. DE MARTIN demartin a polito.it
Ven 31 Gen 2014 12:58:21 EST


Caro Simone,

ci racconti magari in cosa consisterebbe  la "fantasiosità" e
il "pasticcio" nel caso La Stampa?

A me - che però non sono altro che un mero ingegnere,
per di più smemorato, non un super-esperto come te -
pare (ripeto: PARE) di ricordare che la nota legale de La Stampa
fosse stata redatta da fior di professionisti... che avevano
affrontato un problema giuridico mica da ridere...
Ma di sicuro ricordo male ... magari hai ragione tu e
invece sono stati dei pasticcioni. O, peggio, persone
intenzionate ad essere volutamente poco chiare.
Chi lo sa.

Comunque, illuminaci!

Ciao,

juan carlos




On 31/01/14 18:38, Simone Aliprandi wrote:
>> Credo che possa interessare qui il caso dell'archivio storico de La Stampa,
>> "apparentemente" pubblicato in CC:
>> http://www.lastampa.it/archivio-storico/#lastampa_note_legali.
>> Di certo un testo simile manca il bersaglio della chiarezza (dopo averlo
>> letto io ricaverei l'impressione di non poter fare assolutamente nulla
>> senza sbagliare in qualche modo), ma mi piacerebbe sentire un parere pi�
>> tecnico su questo. Che significato pu� avere una formulazione del genere?
> Ciao Virginia. E benvenuta.
> Il caso è interessante e va rimpinguare la lunga lista dei casi di
> utilizzi fantasiosi delle licenze Creative Commons.
> In un recente articolo, cogliendo l'occasione di un altro caso simile
> (quello di Wired.it, poi risoltosi parzialmente*), mi chiedevo cosa
> portasse la gente a ostinarsi a "pasticciare" con licenze e termini
> d'uso quando ormai il concetto dovrebbe essere chiaro:
> http://aliprandi.blogspot.it/2014/01/usare-licenze-non-difficile.html
> .
> Io sono ormai arrivato alla conclusione che, quando c'è poca chiarezza
> nelle condizioni d'uso e quando si ha che fare con soggetti
> professionisti (Wired, LaStampa...) dotati di tutti i mezzi per fare
> le cose nel modo giusto, non può che esserci un minimo di
> intenzionalità. Nel sistema di copyright che abbiamo, in cui il
> detentore dei diritti è sempre in una posizione privilegiata ed è
> l'utente a dover dimostrare di aver acquisito licenza per l'uso, è
> ovvio che la poca chiarezza va sempre a vantaggio del primo. A livello
> giuridico... ma non a livello d'immagine. Credo infatti che, se un
> content provider vuole utilizzare le licenze open, debba farlo in modo
> convinto e tecnicamente corretto. Altrimenti può continuare con il
> classico copyright, che nessuno si offende.
>
> * dico "parzialmente" perchè la licenza è stata rimessa sul sito...
> tuttavia quella dicitura dei termini d'uso da me segnalata come poco
> chiara e poco conforme alle linee guida delle licenze CC, è rimasta.
>
> Un caro saluto, Simone
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it