[cc-it] ma l'autore deve saperlo?

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Gio 13 Feb 2014 04:56:20 EST


Pongo un altro quesito (come vedete in questi periodo sono ispirato).
Ipotizziamo che un autore di un libro abbia concesso tutti i diritti
ad un editore, con il classico contratto di edizione del tipo "dammi
tutto per la durata massima prevista per legge (20 anni)".
In sostanza, l'autore in quei casi perde totalmente la gestione dei
suoi diritti fino alla durata del contratto, eccetto ovviamente i
diritti morali e il diritto a chiedere le reyalty previste dal
contratto.
L'editore secondo voi pu di sua iniziativa applicare all'opera una
licenza CC senza dire nulla all'autore? Potrebbe ad esempio ritenere
che l'opera non  pi strategica per il suo catalogo e decidere che
possa essere una forma di promozione per il sito della casa editrice
avere alcuni titoli in CC liberamente scaricabili.
Di primo acchito si potrebbe rispondere: "s, d'altronde ormai  lui
l'unico titolare dei diritti..."
Ma a ben vedere, ci sono due problemi di fondo:
1) il contratto di edizione  al massimo di 20 anni e le licenze CC
sono per sempre (come i diamanti)... quantomeno sulle copie
distribuite;
2) l'applicazione di una licenza CC va comunque a ledere la
remunerazione che l'autore si aspetta sulla base del contratto.
Le licenze CC per come sono state concepite pensano che
tendenzialmente il licenziante sia l'autore originario... ma non 
detto; il licenziante pu essere colui che ha tutti diritti per poter
licenziare.
In altre parole... se nel contratto di edizione non  stato
espressamente concesso il diritto di rilicenziare (difficilmente si fa
perch nei modelli standard non si  mai pensato all'ipotesi Creative
Commons) l'editore pu legittimamente pensare di averlo comunque,
sulla base della cessione di "tutti i diritti"??
Un caro saluto.

--
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org | http://www.array.eu


Maggiori informazioni sulla lista cc-it