[cc-it] Licenza CC su archivio storico La Stampa

J.C. DE MARTIN demartin a polito.it
Sab 1 Feb 2014 11:30:11 EST


Alla luce di tutti gli interventi precedenti,
una precisazione e due domande.

La precisazione è che il mio commento al post
di Simone Aliprandi era ovviamente ironico.
Conoscendo, infatti, Simone da anni, e avendo spesso
pubblicamente espresso il mio apprezzamento per
il suo eccellente lavoro, quando ho scritto
ho pensato che fosse meglio quel registro
piuttosto che l'offeso, l'irritato, ecc.
Quindi ringrazio molto Simone per avermi attribuito
(immeritatamente) qualità importanti
come trasparenza e onestà intellettuali, ma grazie
al cielo l'ironia non è preclusa a nessuno.

Perché ironico? Perché dietro quella decisione
de La Stampa ci furono parecchie ore del tempo
di numerose persone (me incluso) che anni fa fecero
il possibile (come al solito pro bono)
perchè quello straordinario archivio fosse
il più aperto possibile. La Stampa avrebbe potuto
tranquillamente mandarci a stendere e non fare nulla,
uniformandosi a praticamente tutti gli altri giornali del pianeta,
e invece stette ad ascoltarci e alla fine qualcosa provò a fare.
La formula finale usata da La Stampa (che, a proposito,
non rappresento in alcun modo) è perfettibile?
Possibilissimo.
Ma per cortesia si parta dal fatto che comunque qualcuno ha
provato a fare qualcosa di meglio dello status quo.
Da questo punto di vista ho trovato il messaggio originario
di Simone poco meditato: prima, infatti, di attribuire
a chicchessia non solo di esser stato "fantasioso", "pasticcione"
(tra l'altro senza una parola sullo specifico punto ricordato
da Marco Ciurcina), ma anche potenzialmente in mala fede,
a mio avviso bisognerebbe pensarci assai bene.

Ciò detto, le due domande, che rivolgo a Simone e
a tutti gli iscritti alla lista.

1. Considerata la oggettiva complessità giuridica dell'oggetto
"quotidiano" pensate forse che sarebbe stato meglio non provarci
neanche a rilasciare in CC l'opera collettiva "giornale"?
In altre parole, secondo voi il negativo della confusione indotta
nell'utente medio (confusione però dovuta in larga parte
al diritto d'autore stesso!) sopravanza il positivo dell'apertura
del diritto sull'opera collettiva? E' possibile.
All'epoca noi pensammo di no, ma magari sbagliammo.

2. Se la risposta alla domanda precedente è negativa,
e preso atto della complessità giuridica della materia
(ineliminabile), in che modo si potrebbe rendere migliore quella nota 
legale?
Nag ha già proposto qualcosa e anche Simone.
Forse altri vorranno aggiungere altro.
Magari poi potremmo suggerire a La Stampa tali proposte
di miglioramento.

Cari saluti,

juan carlos



On 01/02/14 16:14, Marco Ciurcina wrote:
> In data sabato 1 febbraio 2014 13:36:20, Simone Aliprandi ha scritto:
>> O quantomeno fa sorgere il
>> dubbio nell'utente medio, che si chiede "ma se un articolo è contenuto
>> in una pagina sotto licenza CC, come fa a non essere anch'esso sotto
>> licenza CC?"; e dall'altro lato: "se i singoli articoli di una pagina
>> non sono sotto licenza CC, allora che cosa di preciso è sotto licenza
>> CC in quella pagina?"
> Per gli utenti medi presenti in lista: il diritto d'autore funziona in modo
> strano, che a volte appare incomprensibile.
> C'è differenza tra l'opera collettiva "giornale" e gli elementi "articoli" di
> cui è composto il giornale.
> Ai sensi dell'art. 38 della Legge 633/1941, l'editore ha pieno diritto
> d'autore sull'opera collettiva che viene a realizzare (il giornale) ma non sui
> contenuti che lo compongono (gli articoli) che possono utilizzare
> separatamente gli autori.
> Quindi l'editore ha il diritto di fare ciò che vuole del giornale (compresa la
> facoltà di licenziarlo secondo i termini d'una licenza CC) ma non può disporre
> di questa libertà con riferimento ai singoli articoli.
> m.c.
>
> p.s.: forse è superfluo, ma chiarisco che non sono l'avvocato de La Stampa
>
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it at lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it