[cc-it] Licenza CC su archivio storico La Stampa

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Sab 1 Feb 2014 11:19:20 EST


> Per gli utenti medi presenti in lista: il diritto d'autore funziona in modo
> strano, che a volte appare incomprensibile.
> C'è differenza tra l'opera collettiva "giornale" e gli elementi "articoli" di
> cui è composto il giornale.
> Ai sensi dell'art. 38 della Legge 633/1941, l'editore ha pieno diritto
> d'autore sull'opera collettiva che viene a realizzare (il giornale) ma non sui
> contenuti che lo compongono (gli articoli) che possono utilizzare
> separatamente gli autori.

Grazie Marco. Precisazione molto utile.
Concordo sul fatto che il diritto d'autore è una materia molto più
complessa di quello che si possa credere da non addetti ai lavori. Ed
è proprio per questo che è importante fare di tutto per non
complicarla ulteriormente.

Ad ogni modo, al fine di andare ulteriormente a fondo nella
riflessione, riporto qui il testo integrale del citato articolo 38
LDA.
"Nell'opera collettiva, salvo patto contrario, il diritto di
utilizzazione economica spetta all'editore dell'opera stessa, senza
pregiudizio derivante dall'applicazione dell'art. 7.
Ai singoli collaboratori dell'opera collettiva è riservato il diritto
di utilizzare la propria opera separatamente, con l'osservanza dei
patti convenuti, e in difetto, delle norme seguenti."
In sostanza, a creare tutto il problema sono le parole "salvo patto
contrario" che invitano a verificare di volta in volta se non ci siano
stati patti contrari. LaStampa non si può far carico di una verifica a
priori (così è stato scritto dal Prof. On. De Martin) e dunque opta
per un disclaimer di quel tipo.
Capisco: è un altro bug derivante più dalla legge che dalle licenze.
Se è così, allora forse il disclaimer più opportuno sarebbe stato
qualcosa del tipo: "Avremmo tanto desiderato rilasciare il nostro
archivio con licenza CC, ma in quel caso la legge italiana ci
imporrebbe una verifica sulla titolarità dei diritti che non siamo in
grado di fare; dunque abbiamo rinunciato alla licenza CC e abbiamo
optato per..."

Resta aperto però il problema del diritto sui generis. Perchè
sottolineare a chiare lettere che la licenza non agisce sul diritto
sui generis? Considerato che la licenza scelta è una 2.5 (quindi di
quelle che non licenziano il diritto sui generis) è già implicito che
tale diritto non è licenziato. Sottolinearlo così, senza spiegare nel
dettaglio il concetto di "estrazione e reimpiego", rischia di avere
come unico effetto quello di intimorire l'utente che vuole
riutilizzare i contenuti.

Un caro saluto.

-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org


Maggiori informazioni sulla lista cc-it