[cc-it] Licenza CC su archivio storico La Stampa

J.C. DE MARTIN demartin a polito.it
Sab 1 Feb 2014 06:01:36 EST


Temo di non capire in che senso parla di "DRM giuridico".

Per quello che ne capisco io, si tratta banalmente dell'applicazione
del principio: "rilascio i diritti che ho, non quelli che non ho".

Quindi, La Stampa quei diritti aveva e quei diritti ha rilasciato,
per altro ricordando en passant il concetto di pubblico dominio,
menzione che non mi sembra di aver mai visto in altre note legali
(perlomeno non quelle di attori 'for profit').

Dopodichè è chiaro che sarebbe stato infinitamente più utile
poter dire quali fossero i diritti su ogni singolo articolo, inclusa
l'indicazione se l'articolo fosse o meno nel pubblico dominio.
Sono il primo a dirlo.

Ma ciò avrebbe comportato un lavoro di ricostruzione 
storico-anagrafico-legale
di proporzioni immense, vista la dimensione dell'archivio,
un lavoro che La Stampa non aveva assolutamente le risorse per fare.

Quindi ci si è accontentati di quel che concretamente era fattibile
in quel momento,
sapendo che l'alternativa - infinitamente più facile - era
di non fare proprio nulla. Che è quello che hanno fatto
tutti gli altri archivi di giornali che conosco.

juan carlos





On 01/02/14 11:45, Nic wrote:
> A me pare (ripeto: PARE), che quella de La Stampa sia la prima applicazione
> del "DRM giuridico": riproduci la pagina ma non riprodurre l'articolo in essa
> contenuto, la licenza riguarda la pagina non quello che è in essa
> rappresentato.
>
> E' un lucchetto giuridico che salda il bene immateriale ad un supporto (la
> pagina), evitando, di fatto (non faccio un processo alle intenzioni) che il
> primo possa essere liberamente condiviso:
> la prima conseguenza disastrosa è che se io, ad esempio, voglio riportare
> un articolo de La Stampa su questa mailing list non posso farlo!
>
> In un'ottica di libera condivisione delle conoscenze tutto ciò è grottesco.
> E il fatto che possa essere tecnicamente corretto è un'aggravante:
> il DRM giuridico.
>
> bye
> nag
>
>
> On Friday 31 January 2014 23:20:20 Nic wrote:
>> Ma non si può semplicemente dire "perché il caso è fantasioso?",
>> senza tutto lo sfottò di contorno?
>>
>> bye
>> nag
>>
>> On Friday 31 January 2014 18:58:21 J.C. DE MARTIN wrote:
>>> Caro Simone,
>>>
>>> ci racconti magari in cosa consisterebbe  la "fantasiosità" e
>>> il "pasticcio" nel caso La Stampa?
>>>
>>> A me - che però non sono altro che un mero ingegnere,
>>> per di più smemorato, non un super-esperto come te -
>>> pare (ripeto: PARE) di ricordare che la nota legale de La Stampa
>>> fosse stata redatta da fior di professionisti... che avevano
>>> affrontato un problema giuridico mica da ridere...
>>> Ma di sicuro ricordo male ... magari hai ragione tu e
>>> invece sono stati dei pasticcioni. O, peggio, persone
>>> intenzionate ad essere volutamente poco chiare.
>>> Chi lo sa.
>>>
>>> Comunque, illuminaci!
>>>
>>> Ciao,
>>>
>>> juan carlos
>>>
>>> On 31/01/14 18:38, Simone Aliprandi wrote:
>>>>> Credo che possa interessare qui il caso dell'archivio storico de La
>>>>> Stampa, "apparentemente" pubblicato in CC:
>>>>> http://www.lastampa.it/archivio-storico/#lastampa_note_legali.
>>>>> Di certo un testo simile manca il bersaglio della chiarezza (dopo
>>>>> averlo letto io ricaverei l'impressione di non poter fare
>>>>> assolutamente nulla senza sbagliare in qualche modo), ma mi piacerebbe
>>>>> sentire un parere pi� tecnico su questo. Che significato pu� avere una
>>>>> formulazione del genere?
>>>> Ciao Virginia. E benvenuta.
>>>> Il caso è interessante e va rimpinguare la lunga lista dei casi di
>>>> utilizzi fantasiosi delle licenze Creative Commons.
>>>> In un recente articolo, cogliendo l'occasione di un altro caso simile
>>>> (quello di Wired.it, poi risoltosi parzialmente*), mi chiedevo cosa
>>>> portasse la gente a ostinarsi a "pasticciare" con licenze e termini
>>>> d'uso quando ormai il concetto dovrebbe essere chiaro:
>>>> http://aliprandi.blogspot.it/2014/01/usare-licenze-non-difficile.html
>>>> .
>>>> Io sono ormai arrivato alla conclusione che, quando c'è poca chiarezza
>>>> nelle condizioni d'uso e quando si ha che fare con soggetti
>>>> professionisti (Wired, LaStampa...) dotati di tutti i mezzi per fare
>>>> le cose nel modo giusto, non può che esserci un minimo di
>>>> intenzionalità. Nel sistema di copyright che abbiamo, in cui il
>>>> detentore dei diritti è sempre in una posizione privilegiata ed è
>>>> l'utente a dover dimostrare di aver acquisito licenza per l'uso, è
>>>> ovvio che la poca chiarezza va sempre a vantaggio del primo. A livello
>>>> giuridico... ma non a livello d'immagine. Credo infatti che, se un
>>>> content provider vuole utilizzare le licenze open, debba farlo in modo
>>>> convinto e tecnicamente corretto. Altrimenti può continuare con il
>>>> classico copyright, che nessuno si offende.
>>>>
>>>> * dico "parzialmente" perchè la licenza è stata rimessa sul sito...
>>>> tuttavia quella dicitura dei termini d'uso da me segnalata come poco
>>>> chiara e poco conforme alle linee guida delle licenze CC, è rimasta.
>>>>
>>>> Un caro saluto, Simone
>>> _______________________________________________
>>> cc-it mailing list
>>> cc-it at lists.ibiblio.org
>>> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>> _______________________________________________
>> cc-it mailing list
>> cc-it at lists.ibiblio.org
>> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>>
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it at lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it