[cc-it] radio e creative commons

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Ven 24 Maggio 2013 12:23:08 EDT


Io non penso che la SIAE sia ladra; semplicemente fa il suo lavoro.
Poi sarebbe il caso di interrogarsi su come effettivamente faccia il
suo lavoro e se intenda continuare a farlo applicando parametri e
categorie mediavali.
A titolo di riflessione, la invito a dare un'occhiata a queste slides:
http://www.slideshare.net/simonealiprandi/aliprandi-anacronismi-del-sistema-siae-110413
(Anacronismi del sistema SIAE).
Riguardo alla questione specifica che lei pone... sinceramente è la
prima volta che sento di questi "100 euro da versare per andare in
radio". Andrebbe approfondita.
Un cordiale saluto.
--
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org

> sono un cantautore e sto per uscire con un disco che non ho intenzione di
> registrare in SIAE (ladra) ma che voglio promuovere anche via radio.
> l'ufficio stampa a cui mi sto appoggiando dice, e il direttore della siae
> padova me lo conferma, che le radio richiedono un certificato elettronico
> del costo di 100 euro, come forfait per le trasmissioni di un anno del mio
> pezzo (1 solo pezzo).
> Ma se voglio finire in radio li devo pagare per forza questi soldi? già
> pago i bollini e mi da non poco fastidio (non per il costo, solo perché non
> vedo perché debbano prendere soldi loro per il lavoro mio).
> Se qualcuno sa qualcosa nel dettaglio mi faccia sapere perché a quelli io
> non voglio dare più neanche uno dei miei soldi sudati, perdio!
> grazie a tutti, ciao.


--
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org


Maggiori informazioni sulla lista cc-it