[cc-it] [community] altro sito delirante

Claudio Artusio claudioartusio a gmail.com
Lun 2 Dic 2013 12:21:30 EST


No, non si trattava di ijamix ma di un musicista che voleva sapere come
tutelare i propri brani.

Come saprete ci chiamano spesso al telefono indicato tra i contatti di CC
Italia per questioni pratiche sulle licenze: il fraintendimento di cui
sopra è tra gli aspetti che devo chiarire più di frequente.

A presto

Claudio


2013/12/2 Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com>

> Grazie mille Claudio.
> Ma in che senso "al telefono"? Ti hanno chiamato loro o li hai chiamati tu?
> Il problema però lì è più ampio e non è solo legato al solito equivoco
> delle licenze come forma di tutela. Ci sono molti concetti sbagliati
> in materia di diritto d'autore.
> Io non posso fare il "professorino" della situazione e scrivere sotto
> ciascun articolo dove hanno sbagliato. Ognuno è libero di sbagliare
> come e quando vuole. Il problema è che loro si pongono come esperti,
> consulenti e formatori. E vendono servizi basati su quei messaggi
> distorti.
> ciao, Simone
>
> Il 02 dicembre 2013 17:56, Claudio Artusio <claudioartusio a gmail.com>
> ha scritto:
> > Ciao a Tutti,
> >
> > ho appena finito di chiarire l'equivoco al telefono di CC Italia e
> Simone ci
> > allieta con l'ennesima segnalazione sul tema ^^
> >
> > Ho inviato loro il seguente commento in attesa di moderazione.
> >
> > A presto
> >
> > Claudio
> >
> > Ciao, vorrei farvi notare che le licenze Creative Commons (come qualsiasi
> > licenza di diritto d'autore) non servono a tutelare la paternità
> sull'opera
> > oggetto della licenza (paternità che la legge riconosce all'autore a
> fronte
> > dell'attività creativa in se stessa, cioè al momento in cui l'opera viene
> > creata, senza la necessità di alcuna formalità - art. 6 legge d'autore),
>> > fungono da strumento probatorio ai fini di dimostrarla. Svolgono invece
> la
> > diversa funzione di stabilire e comunicare a terzi le condizioni
> attraverso
> > le quali l'autore intende far circolare la propria opera, ed in tal senso
> > non rappresentano affatto un'alternativa ai tipici servizi offerti dalla
> > SIAE (intermediazione dei diritti d'autore per conto dei propri
> > associati/mandanti; deposito opere). In tal senso, troverete conferma
> tra le
> > FAQ del sito Creative Commons Italia:
> http://www.creativecommons.it/faq#14
> >
> >
> > 2013/12/2 Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com>
> >>
> >> PS: si noti che nella biografia di uno dei fondatori di iJamix (alla
> >> pagina "Chi siamo", dove si trovano un sacco di credenziali generiche
> >> ma non i titoli di studio e le qualifiche professionali) si legge "Noi
> >> lavoriamo in rete, in un mare pieno di squali, il nostro obiettivo è
> >> tirarli fuori dall’acqua e prenderli a schiaffi."
> >>
> >> Il 02 dicembre 2013 17:45, Simone Aliprandi
> >> <simone.aliprandi a gmail.com> ha scritto:
> >> >> Forse il nostro tempo e` speso meglio ignorandoli?
> >> >
> >> > Alessandro... hai tanto tanto ragione.
> >> > E hai avuto la fortuna di accreditarti come esperto (perchè tu lo sei
> >> > davvero e nessuno ne dubita) in un periodo storico leggermente
> >> > precedente a quello che stiamo vivendo ora.
> >> > Ora, nel mondo del web 2.0 e dei social network in cui ognuno ha il
> >> > suo spazio, è alto il rischio che la gente comune, di fronte ad un bel
> >> > sito che dice che Tizio è un mega-esperto, creda che effettivamente
> >> > che lo sia.
> >> > Il mio lavoro, come sai, è quello di fare didattica e divulgazione nel
> >> > campo in cui operano questi Tizi. E so che il mio potenziale target
> >> > non ha gli strumenti culturali per distinguere il vero-esperto dal
> >> > falso-esperto.
> >> > Motivo per cui un po' mi preoccupo e mi rammarico.
> >> > Lo stesso dicasi per il famoso sito www.copyright.it che ha come
> >> > slogan "Ufficio europeo del Copyright.
> >> > Ottieni un Copyright ufficiale!" diffondendo un messaggio ingannevole
> >> > e profondamente sbagliato. Ecco... se vuoi misuriamo insieme sui
> >> > motori di ricerca quanto pesano le loro pagine piene di assurdità e
> >> > falsità rispetto alle pagine di blog e siti dove invece si parla di
> >> > diritto d'autore in modo corretto. Siti come copyright.it fanno male
> a
> >> > tutta la categoria dei consulenti e formatori in materia di diritto
> >> > d'autore... eppure è lì e si presenta come il punto di riferimento del
> >> > settore.
> >> > Siamo sicuri che anche in quel caso la soluzione sia ignorarli? Io ho
> >> > già segnalato la questione all'AGCM per pubblicità ingannevole ma
> >> > ovviamente senza alcun esito.
> >> > ciao, Simone
> >> >
> >> > --
> >> > Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> >>
> >>
> >>
> >> --
> >> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> >> _______________________________________________
> >> cc-it mailing list
> >> cc-it a lists.ibiblio.org
> >> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >
> >
> >
> >
> > --
> > Claudio Artusio
> > Centro Nexa su Internet & Società
> > Politecnico di Torino – DAUIN
> > Corso Duca degli Abruzzi, 24
> > 10129 Torino - Italy
>
>
>
> --
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



-- 
Claudio Artusio
Centro Nexa su Internet & Società
Politecnico di Torino – DAUIN
Corso Duca degli Abruzzi, 24
10129 Torino - Italy


Maggiori informazioni sulla lista cc-it