[cc-it] [community] altro sito delirante

Claudio Artusio claudioartusio a gmail.com
Lun 2 Dic 2013 11:56:45 EST


Ciao a Tutti,

ho appena finito di chiarire l'equivoco al telefono di CC Italia e Simone
ci allieta con l'ennesima segnalazione sul tema ^^

Ho inviato loro il seguente commento in attesa di moderazione.

A presto

Claudio

Ciao, vorrei farvi notare che le licenze Creative Commons (come qualsiasi
licenza di diritto d'autore) non servono a tutelare la paternità sull'opera
oggetto della licenza (paternità che la legge riconosce all'autore a fronte
dell'attività creativa in se stessa, cioè al momento in cui l'opera viene
creata, senza la necessità di alcuna formalità - art. 6 legge d'autore), né
fungono da strumento probatorio ai fini di dimostrarla. Svolgono invece la
diversa funzione di stabilire e comunicare a terzi le condizioni attraverso
le quali l'autore intende far circolare la propria opera, ed in tal senso
non rappresentano affatto un'alternativa ai tipici servizi offerti dalla
SIAE (intermediazione dei diritti d'autore per conto dei propri
associati/mandanti; deposito opere). In tal senso, troverete conferma tra
le FAQ del sito Creative Commons Italia:
http://www.creativecommons.it/faq#14


2013/12/2 Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com>

> PS: si noti che nella biografia di uno dei fondatori di iJamix (alla
> pagina "Chi siamo", dove si trovano un sacco di credenziali generiche
> ma non i titoli di studio e le qualifiche professionali) si legge "Noi
> lavoriamo in rete, in un mare pieno di squali, il nostro obiettivo è
> tirarli fuori dall’acqua e prenderli a schiaffi."
>
> Il 02 dicembre 2013 17:45, Simone Aliprandi
> <simone.aliprandi a gmail.com> ha scritto:
> >> Forse il nostro tempo e` speso meglio ignorandoli?
> >
> > Alessandro... hai tanto tanto ragione.
> > E hai avuto la fortuna di accreditarti come esperto (perchè tu lo sei
> > davvero e nessuno ne dubita) in un periodo storico leggermente
> > precedente a quello che stiamo vivendo ora.
> > Ora, nel mondo del web 2.0 e dei social network in cui ognuno ha il
> > suo spazio, è alto il rischio che la gente comune, di fronte ad un bel
> > sito che dice che Tizio è un mega-esperto, creda che effettivamente
> > che lo sia.
> > Il mio lavoro, come sai, è quello di fare didattica e divulgazione nel
> > campo in cui operano questi Tizi. E so che il mio potenziale target
> > non ha gli strumenti culturali per distinguere il vero-esperto dal
> > falso-esperto.
> > Motivo per cui un po' mi preoccupo e mi rammarico.
> > Lo stesso dicasi per il famoso sito www.copyright.it che ha come
> > slogan "Ufficio europeo del Copyright.
> > Ottieni un Copyright ufficiale!" diffondendo un messaggio ingannevole
> > e profondamente sbagliato. Ecco... se vuoi misuriamo insieme sui
> > motori di ricerca quanto pesano le loro pagine piene di assurdità e
> > falsità rispetto alle pagine di blog e siti dove invece si parla di
> > diritto d'autore in modo corretto. Siti come copyright.it fanno male a
> > tutta la categoria dei consulenti e formatori in materia di diritto
> > d'autore... eppure è lì e si presenta come il punto di riferimento del
> > settore.
> > Siamo sicuri che anche in quel caso la soluzione sia ignorarli? Io ho
> > già segnalato la questione all'AGCM per pubblicità ingannevole ma
> > ovviamente senza alcun esito.
> > ciao, Simone
> >
> > --
> > Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
>
>
>
> --
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



-- 
Claudio Artusio
Centro Nexa su Internet & Società
Politecnico di Torino – DAUIN
Corso Duca degli Abruzzi, 24
10129 Torino - Italy


Maggiori informazioni sulla lista cc-it