[cc-it] Consulenza insegna e nome

sergio previte serpe25 a gmail.com
Gio 31 Maggio 2012 10:27:40 EDT


La ringrazio. Certo è chiara la differenza tra copyright "tradizionale" e
CC, ma per chiarire meglio, il punto, per citare una mail di una di noi, è
che:

bisognerebbe [...] iscrivere il nome ******* come progetto aperto a tutti,
> che ha dei *principi ben precisi*. Trovo che l'uso della parola *******,
> e del suo logo volendo, dovrebbe essere possibile a chiunque rispetti anche
> l'idea che ne è alla base. Ad esempio: se a Sondrio o a Marcianise si
> ritrova un gruppo di persone al quale piace l'idea, per poter definire il
> progetto ******* dovrebbe in qualche modo dimostrare a non so chi che
> rientra nell'idea di: partecipazione, apertura, non commercio, etc..
>

Ha questo a che vedere con la registrazione di un marchio? dobbiamo
forzatamente rivolgerci a una camera di commercio?

Grazie ancora

Il giorno 31 maggio 2012 16:02, Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com
> ha scritto:

> mi scusi, a rischio di sembrarLe pedante, faccio notare che qui viene
>
> > affermato esattamente il contrario:
>
> >
>
> >> le licenze Creative Commons tutelano qualsiasi opera dell'ingegno in
>
> >> ambito artistico-espressivo, a differenti livelli.
>
>
> La ringrazio per la segnalazione. E' in effetti un'imprecisione che VA
>
> ASSOLUTAMENTE SISTEMATA. E chiedo a chi gestisce il sito di
>
> intervenire.
>
> Forse la lettura di questo paragrafo la aiuterà a capir emeglio la
>
> questione: http://www.aliprandi.org/manuale-cc/html/index.html#cap2_par1b
>
>
> > Non essendo assolutamente ferrati in materia giuridica, avremmo bisogno
> di
>
> > capire in che modo garantire che l'opera (l'insegna, ma anche il relativo
>
> > logo, che può essere sfruttato a fini commerciali, cosa che vogliamo
>
> > assolutamente evitare) e il nome da noi scelto per il progetto
> mantengano lo
>
> > spirito di condivisione con cui li abbiamo originariamente pensati.
>
>
> In realtà il caso che lei sottopone attiene più che altro all'ambito
>
> del diritto del marchio e non tanto a quello del diritto d'autore (se
>
> non tangenzialmente). Dunque le licenze CC (che comunque non sono una
>
> forma di tutela, ma al massimo uno strumento di maggior chiarezza per
>
> la comunicazione dei termini d'uso di un'opera) probabilmente non
>
> potrebbero comunque esserle d'aiuto.
>
>
> Ma lascio la parola anche ad altri membri della lista...
>
>
> Un cordiale saluto.
>
> --
>
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
>
> _______________________________________________
>
> cc-it mailing list
>
> cc-it a lists.ibiblio.org
>
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>


-- 

S


Maggiori informazioni sulla lista cc-it