[cc-it] informazioni per produzione documentario con licenza c.c. 3.0

andrea legni andrea.legni a autistici.org
Mer 27 Giu 2012 13:05:58 EDT


Intanto grazie per le risposte.
Relativamente all'ultima risposta di Simone Aliprandi: nel caso del 
documentario per il quale vi sto chiedendo i consigli, si tratta di un 
lavoro autoprodotto nel quale, quindi, l'autore dell'opera e il 
produttore coincidono (io e un mio collega), nonostante questo permane 
l'obbligo?
Un'altra ipotesi: ammettendo che esista l'obbligo, e che io scelga di 
fregarmene e produre comunque il dvd e distribuirlo senza bollino Siae, 
sapreste dirmi cosa rischio e se esiste razionalmente la possibilità che 
vengano a chiedermene conto?

Il 2012-06-27 18:16 Simone Aliprandi ha scritto:
>>> il piano 3 (che è quello che qui
>>> interessa) NON C'ENTRA NULLA CON L'OPERA nè con l'autore 
>>> dell'opera,
>>> bensì c'entra con i SUPPORTI su cui l'opera è incisa.
>>
>> In che senso, scusa?
>>
>> Qui[1] si fa esplicito riferimento alla legge sul diritto d'autore. 
>> Del
>> resto il bollino serve a dimostrare che il supporto sia originale e 
>> che
>> quindi siano stati riconosciuti i diritti (anche economici) ai
>> rispettivi autori. Che senso avrebbe applicarlo su un CD contenente
>> materiale di pubblico dominio?
>>
>> Probabilmente mi sfugge qualcosa...
>>
>> In ogni caso ho verificato giusto ora che i CD/DVD contenenti distro
>> Linux e software libero allegati a riviste, non hanno il bollino 
>> SIAE.
>> Come è giusto che sia, IMHO.
>
> Il bollino è uno strumento per "certificare" che quella copia
> materiale (CD o DVD) provenga dal suo legittimo produttore (nb:
> produttore non autore!). Il produttore fonografico è colui che 
> detiene
> uno specifico diritto connesso sul master e sulle sue copie ed è lui
> che si fa carico della richiesta alla SIAE dei bollini e della loro
> applicazione. E' quindi un titolare di diritti connessi ad occuparsi
> di questa fase e non un titolare di diritti d'autore. Il bollino
> attiene quindi alla sfera dei diritti connessi e poco a quella dei
> diritti d'autore. Infatti anche un cd contenente suoni della natura
> avrà un titolare di diritti conessi di produzione fonografica ma non
> dei titolari di diritti d'autore. Ne consegue che anche quel tipo di
> CD dovrà essere "bollinato". E se ne deduce che la presenza o meno 
> dei
> bollini su un supporto non ha nulla a che fare con i diritti d'autore
> intesi in senso stretto.
> Quella del bollino è una formalità retrograda e a mio avviso
> inopportuna, ma che la legge prevede. Quindi chi vuole distribuire
> supporti contenenti opere dell'ingegno tutelate da diritto d'autore o
> prodotti tutelati da semplici diritti connessi dovrà accettare questo
> obbligo. Ma è meglio accettarlo senza lasciarsi imbottigliare da
> ragionamenti infondati sul fatto che il bollino sia collegato alla
> titolarità di diritti d'autore.
> La questione invece delle aziende che stampano copie che si rifiutano
> di stampare se non ricevono il rotolino con i bollini... è vera e
> anche lì non c'è nulla di cui scandalizzarsi particolarmente. Essendo
> aziende soggette a controlli, preferiscono non rischiare anche se gli
> rilasciate una dichiarazione in cui vi assumete ogni responsabilità. 
> E
> credo che finchè avremo questa normativa sui bollini (assurda e
> retrograda, ripeto) non cambierà molto il loro atteggiamento.
> Infine il caso dei CD contenenti software libero è in effetti una
> virtuosa eccezione a questo sistema, dovuta al fatto che qualcuno è
> riuscito a far capire alla SIAE di quanto sia assurdo, inutile e
> dispendioso apporre bollini anche su quel tipo di supporti.
>
> Un cordiale saluto.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it