[cc-it] informazioni per produzione documentario con licenza c.c. 3.0

Cristian Consonni kikkocristian a gmail.com
Mar 26 Giu 2012 11:33:25 EDT


Il 23 giugno 2012 17:54, andrea legni <andrea.legni a autistici.org> ha scritto:
> Buongiorno.
> Insieme a un collega sto autoproducendo un documentario con
> l'intenzione di rilasciarlo in licenza c.c. 3.0.
> Avrei bisogno di alcune info:
>
> 1) E' vero che serve comunque l'iscrizione alla Siae? Ci stiamo
> informando per la stampa dei dvd (che verranno distribuiti a fronte di
> una libera donazione, senza prezzo di copertina imposto) e la ditta alla
> quale abbiamo chiesto il preventivo ci ha detto che l'iscrizione
> dell'opera alla Siae (e i relativi bollini da apporre all'opera) è
> obbligatoria anche se la rilasciamo con licenza c.c. Addirittura si
> rifiutano di stamparlo senza espletamento delle pratiche Siae. E'
> giusto?

Premesso che non sono un avvocato, questo è quello che ho trovato
cercando in rete.

"E' obbligatorio iscriversi alla SIAE ?
L'iscrizione alla SIAE non è obbligatoria. La SIAE è un intermediario
che svolge attività nell’interesse degli autori solo previo mandato o
iscrizione facoltativa. Questi ultimi possono, in alternativa, gestire
autonomamente i loro diritti senza corrispondere alla SIAE quota di
iscrizione e provvigioni." (da qui[1])

So, per averlo letto da questa lista, che il giochino "è obbligatorio
iscriversi alla SIAE" è un'idea che viene diffusa perché fa comodo ad
alcuni (indovina chi?) sia perché è sempre più facile dire che non
esistono alternative (un po' come nei supermercati ti dicono che è
impossibile richiedere il rimborso se non si accetta la licenza di
Windows, quando invece si può fare[2]).

> 2) Rilasciando il documentario con licenza c.c. 3.0 possiamo evitare
> che l'opera termini su piattaforme web commerciali come ad esempio
> youtube? se capita, possiamo richiederne la rimozione?

Su questa cosa sono molto meno sicuro, sicuramente è meglio che
scegliate una licenza con la clausola "NC" (Non Commerciale), ma il
punto è che (ipoteticamente) una persona potrebbe sentirsi libera di
mettere l'opera su Youtube perché lei non sta ottenendo un guadagno
dal farlo (ma  Youtube, come sito, sì grazie alle pubblicità presenti)

Detto questo, ti consiglio di aspettare l'opinione anche di altri e,
in generale, di consultare un avvocato se hai dei dubbi.

Cristian

[1]http://www.dirittoproarte.com/SIAE/faqsiae.htm
[2]http://www.attivissimo.net/rimborso_windows/istruzioni.htm


Maggiori informazioni sulla lista cc-it