[cc-it] informazioni per produzione documentario con licenza c.c. 3.0

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Mer 4 Lug 2012 17:59:10 EDT


> Scusate, ma per me è molto importante cercare di capire come muovermi.
> La mia volontà è quella evitare l'iscrizione alla Siae e anche la
> bollinatura, non tanto o non solo per motivi economici, ma innanzitutto
> etici.
> Per questo vi chiedo un ultimo aiuto di rispondere a questa domanda
> (rivolta innanzitutto a Simone Aliprandi che mi aveva risposto
> dettagliatamente nelle scorse mail, ma anche, naturalmente, a chiunque
> abbia risposte da fornirmi).

Salve. Devo dirle in tutta sincerità che è difficile fornire in sede
di lista pubblica una valutazione delicata sui rischi legali. Queste
sono cose che dovrebbe forse approfondire più opportunamente in sede
di consulenza legale. Se vuole posso fornirle in privato qualche
nominativo di legali che si occupano di queste cose.
Per il resto... credo che ciò che ho scritto nello scorso post sia più
che sufficiente. L'obbligo sussiste a livello formale. Poi ognuno
valuta il da farsi sulla base delle sue personali opinioni. Devo dire
che a mio avviso lasciarsi troppo deviare dalle questioni di principio
non è sempre una scelta saggia. Avere i bollini SIAE comporta una
spesa minima (meno di 10 per 200-300 bollini se non ricordo male da
quando li ho chiesti per il mio cd musicale); quindi spesso è più il
tmepo che si perde a cercare di aggirare la questione che ad
accettarla per così com'è.
Io per primo sono allergico al concetto del bollino su opere
autoprodotte a scopo non-profit e soprattutto rilasciate con CC.
Eppure quando pubblicai il mio cd nel 2007 decisi di chiedere il
bollino e di applicarlo come richiesto dalla norma.
Un cordiale saluto.

-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org


Maggiori informazioni sulla lista cc-it