[cc-it] R: R: jamendo

Senpai wikisenpai a gmail.com
Ven 24 Feb 2012 12:05:05 EST


Io non conosco il testo preciso di questa famigerata licenza, ma se così
stanno le cose... allora vale ancor più il mio precedente rilievo sulla
pubblicità ingannevole. Siamo davanti a dei meri venditori di fumo.

Luca

-----Messaggio originale-----
Da: cc-it-bounces a lists.ibiblio.org [mailto:cc-it-bounces a lists.ibiblio.org]
Per conto di Nicola A. Grossi
Inviato: venerdì 24 febbraio 2012 17:15
A: 'cc-it'
Oggetto: Re: [cc-it] R: jamendo

Senpai ha scritto:
> Io la penso esattamente come te. Non avendo Jamendo alcun potere 
> certificativo legalmente riconosciuto, a mio avviso l'unico ruolo che 
> può rivestire il certificato in questione è quello di "assunzione di 
> responsabilità" in ordine a quanto attestato nel documento stesso, e 
> quindi un mero documento comprovante la possibilità, per il 
> malaugurato negoziante sotto torchio dalla SIAE, di chiamare in manleva
Jamendo.

Sì, ma cosa garantisce esattamente Jamendo?

Jamendo NON garantisce che l'artista non è iscritto a società di colletta,
garantisce che l'artista ha dichiarato a Jamendo di non essere iscritto a
società di colletta:
"the artists whose works are subject to these agreements have declared to
Jamendo that there were not members of any collective right society".

Guardate che la formulazione non è affatto casuale: lungi da loro scrivere
"ti garantisco che questo artista non è iscritto a società di colletta",
tantomeno fare verifiche al riguardo.

La garanzia è costituita, invece, da un'autocertificazione dell'artista.

Dunque, come già ebbi modo di dire, Jamendo garantisce soltanto che
l'artista X ha dichiarato Y, non garantisce che quanto l'artista X ha
dichiarato corrisponda a verità.

Jamendo risponderà al pubblico esercente "rivolgiti all'autocertificante",
non sono io che ti ho dato quella garanzia.

Però ci sono altri aspetti che, a mio avviso, potrebbero lasciare Jamendo
esposta:
come identifica Jamendo l'artista? Perché se tutto accade tramite mail,
senza invio di documenti di identità, firme olografe o elettroniche... come
fa Jamendo a garantire che Mario Rossi ha dichiarato a Jamendo di non essere
iscritto a società di colletta?

Inoltre, nelle Jamendo dice:
"Sottoscrivendo una licenza Jamendo PRO, riceverai un certificato da
presentare agli enti di colletta e gestione dei diritti d'autore in caso di
controllo. Tale certificato Jamendo PRO è riconosciuto da questi enti".

Come dire: mostra questo e stai tranquillo.  Ma è davvero così? Un
certificato siffatto, privo di sottoscrizione, di dati identificativi...
è riconosciuto da tutti gli enti di colletta e gestione dei diritti
d'autore?

Mi sembra un'affermazione (un'altra garanzia, se volete) piuttosto
azzardata.

Infine, ci possiamo chiedere (e mi chiedo, anche per esperienza personale),
il motivo di un modus operandi così superficiale.

La risposta che mi do è semplice: solidificando il meccanismo di garanzia
(considerata anche l'operatività internazionale di Jamendo), l'attività di
intermediazione (tra artisti e utilizzatori) sarebbe più complessa, ci
sarebbero meno aderenti (sia da una parte che dall'altra) e dunque ci
sarebbe meno guadagno.

Ciò detto, consentitemi una nota di colore, molto poco tecnica ma, forse,
istruttiva: a volte, chi ha un bel giro d'affari riesce a mantenerlo senza
problemi, anche se non fa le cose per bene.
Ci sono "patti sotterranei". E vi dico di più: se addirittura le
associazioni di categoria, pur consapevoli della possibilità di creare per
la musica d'ambiente "circuiti liberi e sicuri", continuano a proporre ai
pubblici esercenti accordi con SIAE (in pratica, uno sconticino), significa,
come cantava Tonino Carotone, che è un mondo difficile!

bye
nag

_______________________________________________
cc-it mailing list
cc-it a lists.ibiblio.org
http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it



Maggiori informazioni sulla lista cc-it