[cc-it] jamendo

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Ven 24 Feb 2012 09:40:35 EST


Ok, quindi ho capito giusto.
Però questi enti allora dovrebbero essere più chiari. A noi legali
questo meccanismo può sembrare semplice e naturale. Ma siamo sicuri
che tutti gli utenti di questi servizi (anzi, forse dovremmo dire
"clienti") sanno che quel certificato non è una firewall contro
qualsiasi attacco legale, e che invece in caso di attacco toccherà
loro attivarsi in giudizio con la chiamata di terzi?
Altro punto di non poco rilievo. Che dire del giudice competente e
delle legge applicabile?
Una eventuale causa di quel tipo intentata da SIAE contro l'ignaro
negoziante italiano sarà condotta di fronte ad un giudice italiano e
sulla base della legge italiana... ma bisognerà chiamare in giudizio
come terzo un ente che in realtà è basato in Lussemburgo o in Regno
Unito. Non è proprio una passeggiata...
Un caro saluto.
S.A.

Il 24 febbraio 2012 15:27, Senpai <wikisenpai at gmail.com> ha scritto:
> Io la penso esattamente come te. Non avendo Jamendo alcun potere
> certificativo legalmente riconosciuto, a mio avviso l'unico ruolo che può
> rivestire il certificato in questione è quello di "assunzione di
> responsabilità" in ordine a quanto attestato nel documento stesso, e quindi
> un mero documento comprovante la possibilità, per il malaugurato negoziante
> sotto torchio dalla SIAE, di chiamare in manleva Jamendo.
>
> Luca
>
> -----Messaggio originale-----
> Da: cc-it-bounces at lists.ibiblio.org [mailto:cc-it-bounces at lists.ibiblio.org]
> Per conto di Simone Aliprandi
> Inviato: venerdì 24 febbraio 2012 12:28
> A: cc-it
> Oggetto: [cc-it] jamendo
>
> Torno su un argomento già trattato in queste liste ma che spesso torna a
> balenarmi in testa: ovvero quello dei sistemi tipo Jamendo Pro, Beatpick,
> etc.
> Riguardando il famoso certificato rilasciato da Jamendo che Nicola A.
> Grossi aveva gentilmente condiviso qui in lista tempo fa
> (http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2010-May/004463.html) mi vengono
> un sacco di perplessità.
> Innanzitutto... concordo con Grossi che quel certificato è poca cosa (o
> forse nulla) se non è firmato.
> Ma soprattutto mi chiedo... quand'anche fosse firmato, quali garanzie può
> darmi dal punto di vista legale?
> Cioè... ipotizziamo il caso concreto che io abbia un negozio che ha
> sottoscritto l'accordo con Jamendo Pro e a cui è stato fornito quel
> certificato. SIAE viene a farmi le pulci e io le mostro questo "certificato"
> (se così vogliamo chiamarlo). Lei mi risponde che secondo lei quel documento
> non "certifica" nulla ma fornisce solo un'informazione per altro non certa e
> comunque piuttosto generica (infatti non vi è un chiaro richiamo alle opere
> coinvolte); dunque decide comunque di farmi causa. In questo caso dovrei
> avere un documento sufficientemente forte per chiedere la chiamata in causa
> di un terzo... che in teoria dovrebbe essere Jamendo. Cioè... sulla base di
> quel "certificato" io dovrei potermi considerare manlevato. Ma intanto sono
> dovuto andare da un legale, costituirmi in giudizio e chiedere
> contestualmente la chiamata di terzo.
> Oppure la questione è più semplice?
> Qualcuno se n'è occupato?
> Un caro saluto, Simone
> --
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it at lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org


Maggiori informazioni sulla lista cc-it