[cc-it] il contratto open source ?

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Ven 21 Ott 2011 08:43:09 EDT


> La richiesta di mantenere il logo Oscon non potrebbe essere intesa come modo
> di attribuire la paternitÓ dell'opera?
> E "non venderli come servizio o come prodotto in sÚ" non Ŕ semplicemente
> espressione della clausola NC? Esclusa questa ipotesi la possibilitÓ di
> "utilizzare liberamente per rapporti commerciali" potrebbe essere
> considerato un ampliamento rispetto alla normale NC.

Secondo me stiamo mettendo insieme due piani che sono separati.
PerchŔ un "qualcosa" sia licenziabile con una CC dev'essere
considerato "opera dell'ingegno" (nel gergo italiano) o "copyrightable
work" (come pi¨ genericamente dicono gli americani).
Qui l'opera dell'ingegno Ŕ il modello contrattuale creato da Oscon,
che come tutti i contratti che non siano mere riproduzioni di
espressioni standard prese dalla legge o dal diritto romano sono
considerati opere passibili di tutela di diritto d'autore (le stesse
CC fanno parte di questa categoria).
L'opzione Non Commerciale si riferisce alla distribuzione, fruizione,
utilizzo dell'opera "contratto": in un esempio concreto, non posso
fare e vendere un formulario di modelli contrattuali contenente il
contratto Oscom.
Ma siamo sicuri che il campo d'azione delle licenze CC (e in questo
caso specifico del divieto di usi commerciali) si spinga non ai
rapporti commerciali o non commerciali che il contratto va a creare e
implementare?? Ci devo pensare.

Un caro saluto.
-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org


Maggiori informazioni sulla lista cc-it