[cc-it] retroattività delle licenze creative commons

marco de antoni marcodeantoni a yahoo.it
Gio 27 Gen 2011 11:49:54 EST


Buonasera a tutti,mio primo post col quale vorrei avviare una discussione sul problema della revocabilità delle licenze Creative Commons, per mutata volontà dell'autore o per cause di forza maggiore, e della retroattività di queste revoche.
(http://www.gnu.org/licenses/gpl-2.0.html, punti 4 e 7)
La licenza GNU-GPL ha affrontato il tema, a partire dalla versione 2.0, disciplinando che l'effetto di una revoca per causa di forza maggiore, come un ordine di un giudice, comporta che l'intera opera non sia più sotto licenza GNu-GPL. Per mutata volontà dell'autore, la GPL v2.0 prevede che questi possa cambiare i diritti soltanto della propria copia dell'opera, non per quelle distribuite e in possesso di terzo prima del cambio di licenza. In questo modo, si evita che vada perso il lavoro di sviluppo e miglioramento del codice portato dalla comunità per il solo fatto che un singolo cambia idee sui propri diritti d'autore.
La Creative Commons sembra non disciplinare ancora la questione e dovrebbe farlo, soprattutto per cause di forza maggiore, come la sentenza di un giudice, che per loro natura sono prevalenti sul testo della licenza, che ad esempio un giudice potrebbe disapplicare se contrario alla sua ordinanza. La licenza Creative Common in questi casi nulla può fare, e deve essere la legge a tutelare la comunità. 
La legge sul copyright ha sicuramente un limite nel fatto che la comunità non è portatrice di soggettività giuridica, in quanto parla solamente di autore e singoli fruitori, concependo la creazione d'opera intellettuale come un sistema lineare dove vale la sovrapposizione di cause ed effetti, e dove il contributo del singolo è quantificabile e tutelabile dalla legge in modo isolato dagli altri. Laddove, invece, l'opera è un sistema complesso fatto di interazioni fra in singoli che ai singoli non sono attribuibili in qualche misura.
La legge sulle Creative Commons dovrebbe recepire quanto la GNU-GPL ha già introdotto , ed evitare che il faticoso e gratuito lavoro di miglioramento possa andare perso per mutate idee di qualcuno o peggio che, a insaputa degli altri, un autore possa trarre guadagno dal lavoro gratuito di terzi.


      


Maggiori informazioni sulla lista cc-it