[cc-it] contratto o non contratto?

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Ven 4 Feb 2011 10:31:13 EST


Può darsi che mi ricordi male ma non mi pare che Piana dicesse che le
licenze
non sono contratti o che non sempre sono contratti.
Penso che si riferisse piuttosto al fatto che la disciplina applicabile
alle licenze non è
necessariamente soltanto quella contrattuale.

Inoltre, non possiamo prescindere dal fatto che il ragionamento di Piana
è un ragionamento che non viene fatto per mero amor del vero,
ma per un certo scopo* e per un certo "cliente" (FSF).

In altre parole, non si può leggere Piana senza leggere Monti (che parla
di "contratto per adesione" e manda i softwareliberisti su tutte le furie*):
http://www.maxdev.it/Article656.html

Ma tutto questo a noi non interessa, perché i giudici non stanno a
guardare cosa dicono Piana e Monti e talvolta, cosa un po' più grave,
nemmeno quello che dicono i colleghi: poca giurisprudenza sul tema ed
eterogenea (ma questo dimostra che la licenza si può tirare un po' di
qua e un po' di là:
facciamocene una ragione fino a che il codice civile o una legge
speciale non prevederà una fattispecie tipica).

Se una licenza specifica LA disciplina ad essa applicabile
facilita il lavoro del giudice-interprete e, secondo me, ne influenza
anche la psicologia.

Se, ad esempio, la GPL si definisse contratto, forse anche il giudice di
pace di Schio
avrebbe evitato di parare di "atto negoziale unilaterale".

Voglio dire: non c'è nulla di più agevole che attenersi al tenore
letterale di un testo (che è anche sinonimo di
rispetto della volontà delle parti, che quando leggono "contratto" non
possono che intendere "contratto").

bye
nag



Simone Aliprandi ha scritto:
> Allora... premesso che appunto io mi riferivo ad una licenza (la ODbL)
> che si autoprofessa contratto (e mi chiedevo quindi il perchè di
> questa scelta), io non sono così sicuro che le CC siano contratti. Se
> lo fossero sarebbe più facile studiarle e spiegarle... ma ahimè non lo
> sono.
> O almeno... non lo sono sempre. E' proprio quello il problema.
> Rimando alla lettura dell'utilissimo (quanto complesso) articolo di
> Carlo Piana "Licenze pubbliche di software e contratto":
> www.piana.eu/repository/720_727.pdf
> Tornando però al discorso iniziale... qualora una licenza si
> autoprofessi un contratto, quali sono le conseguenze?
> Un caro saluto, Simone
>
>   
>> Ho sempre ritenuto le licenze CC un contratto con il quale l'autore concede
>> una parte dei propri diritti all'opera all'utilizzatore finale. IMHO non si
>> può parlare di mera autorizzazione poiché l'utilizzatore finale si assume
>> degli obblighi nei confronti dell'autore dell'opera, che possono variare in
>> funzione del tipo di licenza (ad esempio nel caso della clausola SA
>> l'obbligo di rilasciare un'eventuale opera derivata con la medesima
>> licenza). Tali obblighi (si veda il mio esempio di cui sopra) non sono
>> sempre un mero "non facere" (come nel caso della clausola NC) ma possono, ad
>> esempio, esteriorizzarsi in un obbligo di fare.
>>
>> Luca
>>     
>
>
>
>
>   




Maggiori informazioni sulla lista cc-it