[cc-it] retroattività delle licenze creative commons

marco de antoni marcodeantoni a yahoo.it
Mar 1 Feb 2011 16:18:51 EST


Esatto, ma stando alla normativa che cita, la legge può porre dei limiti e delle forme alla libera contrattazione fra privati, forme le quali non dovrebbero essere derogabili nel momento in cui la normativa tocca interessi meritevoli di tutela da parte dell'ordinamento giuridico.
Resta difficile rinchiudere nell'ambito del diritto privato una licenza d'uso che è rivolta dall'autore ad una pluralità indefinita di potenziali utilizzatori. Parlandosi di comunità di sviluppatori, di bene e patrimonio comune, si avvicina il confine col diritto pubblico e la tutela dell'interesse economico generale.La legge, credo, dovrebbe riconoscere l'utilità sociale e il merito di un contributo gratuito e silenzioso di una comunità aperta, e in quanto tale impedire che possa essere strumentalizzato o disperso dalla volontà dei singoli, che andrebbe bilanciata con quelli di tutti i partecipanti ad un progetto di sviluppo.
Senza intervenire sulla normativa, anche l'introduzione di un'opzione di non revocabilità nelle licenze Creative Commons sarebbe utile e fattibile.
Di nuovo, un cordiale saluto
--- Dom 30/1/11, Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com> ha scritto:

Da: Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com>
Oggetto: Re: [cc-it] retroattività delle licenze creative commons
A: "cc-it" <cc-it a lists.ibiblio.org>
Data: Domenica 30 gennaio 2011, 19:41

> Probabilmente sarebbe opportuna una qualche forma di riconoscimento giuridico, ad esempio una modifica alla legge sul diritto d'autore che affermi esplicitamente la legittimità di questo tipo di licenze di rilascio, e il loro essere alternative al copyright.

Opportuna... forse. Necessaria no di certo.
Il fatto è che una normativa del genere avrebbe senso SE e SOLO SE
fosse: ben concepita (cosa si cui non sarei così tranquillo visto gli
ultimi interventi legislativi in materia) e omogena a livello
internazionale (cosa non faceile da realizzare).
MI permetto di sottoporle un estratto dle mio libro "Teoria e pratica
del copyleft" (disponibile qui:
http://www.copyleft-italia.it/it/libri/teoria-pratica-copyleft.html )
---------------------------
"Dato che la prassi del copyleft è basata su una libertà di scelta
attribuita dalla legge all’autore, è il caso di ribadire (anche se
ormai può sembrare ovvio) che tali documenti/contratti rimangono nella
sfera d’interesse del diritto privato. Alla base c’è il cosiddetto
principio dell’autonomia contrattuale sancito dall’art. 1322 cod.civ.:
“Le parti possono liberamente determinare il contenuto del contratto
nei limiti imposti dalla legge. Le parti possono anche concludere
contratti che non appartengono ai tipi aventi una disciplina
particolare, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di
tutela secondo l'ordinamento giuridico.”
Tali licenze dunque non necessitano di alcuna ratifica a livello
legislativo o amministrativo. Non hanno senso domande del tipo “ma
queste licenze sono legali?”. Le licenze non sono legali o illegali,
ma si può parlare piuttosto di validità o invalidità delle clausole in
esse contenute. Infatti il diritto civile non fa altro che stabilire i
limiti e le forme entro cui i privati possono disciplinare i loro
rapporti, fornendo gli strumenti per tutelare i propri interessi in
questione.
---------------------------
Un cordiale saluto.

--
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
[in San Francisco till 30/03/2011]
_______________________________________________
cc-it mailing list
cc-it a lists.ibiblio.org
http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it



      


Maggiori informazioni sulla lista cc-it