[cc-it] licenze opencontent e concorrenza sleale

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Lun 18 Ott 2010 15:27:04 EDT


> Ma è davvero concorrenza sleale?

Era proprio ciò che volevo capire, grazie al confrontocon altri
giuristi più specializzati sull'argomento.

> E perché? Forse no, il concorrente in asserito plagio anticoncorrenziale:
> a) utilizza marchi diversi, e quindi non vi può essere inganno sull'origine
> imprenditoriale del prodotto;

Sì, però c'è quel "imita servilmente i prodotti di un concorrente" che
mi fa sempre pensare.
E in questo caso, l'imitazione servile - benchè in presenza di una
licenza di diritto d'autore, a mio avviso c'è lo stesso. I principi
della concorrenza e quelli del diritto d'atore vanno su due binari
diversi: e la licenza agisce solo su quello del diritto d'autore.
Diversa infatti sarebbe la situazione se il secondo editore rifacesse
la veste grafica e rifacesse la copertina.
Infatti poi si dice "o compie con qualsiasi altro mezzo atti idonei a
creare confusione con i prodotti e con l'attività di un concorrente".
La norma non si riferisce solo alla *confusione sulla provenienza*
(che in questo caso - come ben dici tu - non si verifica essendoci un
marchio diverso) ma più generalmente alla "confusione con i prodotti".
Prova a immaginare di essere un utente medio (non un giurista o un
bibliotecario o un editore; un semplice acquirente di libri) di
trovare su IBS o su Amazon un libro con lo stesso autore / titolo /
numero di pagine / copertina / formato, ma con marchio diverso. Non
saresti indotto in confusione? L'utente medio farà attenzione al
marchio diverso, al diverso codice ISBN... o semplicemente guarderà
l'anno di pubblicazione più recente, pensando che si tratti di una
versione più aggiornata dello stesso libro (e invece è solo lo stesso
identico libro ripubblicato un anno dopo)??

> b) non fa null'altro di illecito o di contrario ai boni mores: è d'altronde
> proprio il concorrente che autorizza l'utilizzo dell'opera, anche così
> ampio.

Sì, concordo. Bisogna appunto verificare se i principi sulla
concorrenza viaggiano effettivamente su un binario diverso rispetto a
quelli del diritto d'autore.
Qualcuno in lista si è magari occupato di questo confine?

> E' un gran bel dire concedo una licenza molto ampia e poi ... rimanere male
> se gli altri copiano!

Ah beh, su quello non ci piove. Ma la coeenza e la correttezza non
sono sempre di questo mondo, specie quando ci sono in ballo dei
quattrini.

Un caro saluto. Simone

-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org



Maggiori informazioni sulla lista cc-it