[cc-it] jamendo

senpai wikisenpai a gmail.com
Mar 18 Maggio 2010 04:36:56 EDT


Infatti la porcata sta veramente nella certificazione posto che, comunque, 
una certificazione di questo tipo non Ŕ virtualmente necessaria.
Il discorso sostanziale Ŕ che un certificato "giÓ emesso" pu˛ essere comodo 
per le rotture di scatole che la SIAE potrebbe portare avanti, e quindi 
costituisce una dichiarazione "prestampata" della band che sotto la propria 
responsabilitÓ dichiara che quel brano Ŕ rilasciato con quella licenza.
Sostanzialmente, infatti, il solo fatto di trovarsi in rete con una certa 
licenza non Ŕ di per se qualcosa di idoneo a costituire "prova piena" in 
un'eventuale controversia giuridica.
Sostanzialmente il nostro "Hey ma in rete il brano Ŕ rilasciato con la 
licenza Cc-By-Sa guarda qui [link]" troverebbe l'opposizione dei legali SIAE 
(o in generale di altri enti) che potrebbero tranquillamente sostenere come 
il brano in questione sia stato caricato da soggetto sconosciuto o che, 
comunque, non ha certificato la propria identitÓ e che quindi l'attribuzione 
della licenza potrebbe non essere valida.
Spero di essermi spiegato.

Luca
--------------------------------------------------
From: "Nicola A. Grossi" <k2 a larivoluzione.it>
Sent: Monday, May 17, 2010 11:23 PM
To: "cc-it" <cc-it a lists.ibiblio.org>
Subject: Re: [cc-it] jamendo

> La "porcata" Ŕ quel certificato:
> http://www.costozero.org/zar/certificat_DE.pdf
>
> Come spiegai giÓ 1 anno fa, nel certificato non vi Ŕ scritto quello che
> si garantisce nelle f.a.q.
> (ossia che, ad esempio, SIAE riconosce quel "certificato"), ma vi Ŕ
> scritto che l'autore ha dichiarato a Jamendo di non essere iscritto ad
> enti di colletta.
>
> E come giÓ dimostrammo ampiamente un anno fa, ci sono autori su Jamendo
> Pro regolarmente iscritti ai suddetti enti.
>
> bye
> nag
> 




Maggiori informazioni sulla lista cc-it