[cc-it] incongruenze licenza

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Lun 19 Apr 2010 12:28:49 EDT


Federico Morando ha scritto:
> Nicola A. Grossi wrote:
>> Fermo restando che è preferibile utilizzare direttamente una licenza
>> "non commerciale",
>>   
> OK, tutti d'accordo :-)
>> l'incongruenza scompare se si fa un "combinato disposto", che è l'unica
>> cosa che si può fare in questi casi
>> come nei casi in cui una stessa opera venga rilasciata con più licenze
>> irrevocabili anche molto diverse tra loro.
>>
>> Un esempio.
>> In una licenza è scritto: puoi fare A, B, C; non puoi fare D, E, F.
>> In un'altra licenza è scritto: puoi fare A, C, D, F; non puoi fare B ed E.
>> In un'altra licenza è scritto: puoi fare A, B, C; non puoi fare D, E, ed F.
>>
>> Dunque, cosa posso certamente fare?
>> Posso certamente fare soltanto ciò che mi è consentito fare sulla base
>> delle 3 licenze.
>> E cioè (nell'esempio): A e C.
>>   
> Vero, se la domanda è "Cosa posso certamente fare?". E, aggiungo,
> "Cosa posso certamente fare, ragionando in ottica estremamente
> prudenziale?".
>
> Ma se la domanda fosse "Cosa posso ragionevolmente fare, a costo di
> correre qualche minimo rischio giuridico?" La mia risposta sarebbe,
> almeno nel caso di licenze Creative Commons: "Qualunque cosa almeno
> una delle licenze mi consenta di fare."
In che senso minimo? :-)
Un rischio o c'è o non c'è.
L'atto dispositivo del titolare dei diritti o lo rispetti o non lo rispetti.

Se non ci sono date certe (e normalmente non ci sono), la nota di
copyright che accompagna un'opera licenziata, può rendere inefficaci i
permessi accordati
con la licenza stessa.
Per cui se su un sito trovi un'opera licenziata con cc-by-sa e poi una
nota di copyright (applicabile a quella stessa opera) che prevede una
clausola nc, tu non puoi comunque commercializzare l'opera.
E se lo fai, lo fai a tuo rischio. Ignorare la nota di copyright
equivale a non rispettare la licenza. Sempre un illecito commetti.


>
> So che non ho adottato un'ottica di estrema prudenza. Ma, il mio altro
> approccio prudente potrebbe essere (ipotizzando che la non
> revocabilità delle licenze non regga in tribunale): "Quello che
> l'ultima licenza (ammesso che io possa capire qual è) mi autorizza a
> fare."

Sì, come dicevo sopra, se ci sono date certe, si può allargare il
ragionamento. Ma di norma non ci sono né date, né sottoscrizioni.
Quindi, è sempre meglio attenersi alla completa e stretta volontà del
titolare.



>> L'espressione "Ove non diversamente specificato... ", non di rado
>> inserita nella nota di copyright
>> che accompagna la CC, allude proprio alla possibilità che quello che
>> nella licenza è permesso, altrove sia vietato
>> (_anche solo parzialmente_).
>>   
> Non sono d'accordo (o non ho capito quel che vuoi dire). La nota "Ove
> non diversamente specificato..." allude normalmente al fatto che la
> licenza si applica ad un intero sito ed a tutte le opere ivi
> pubblicate, salvo che un'opera abbia una licenza diversa. Non è dunque
> un'apertura a licenziare con una mano e togliere con l'altra, ma un
> modo di "risparmiare" sul numero di note sul copyright da apporre. Una
> sola per il sito ed al più un'altra per le opere "eterodosse" rispetto
> a quella licenza standard.

Non è necessario dire "Ove non diversamente specificato... " per
rilasciare l'intero contenuto di un sito con una licenza.
Serve piuttosto ad avvisare l'utente che su un sito possono esservi
contenuti ai quali la licenza non si applica o non si applica totalmente.
E' l'espressione "i contenuti di questo sito sono rilasciati sotto
licenza... " che ha lo scopo di applicare la licenza all'intero sito.

>
> Tra l'altro -ma qui non è che io abbia riflettuto particolarmente -
> non bisognerebbe considerare anche la clausola 8.e delle licenze? ("La
> presente Licenza costituisce l’intero accordo tra le parti
> relativamente all’Opera qui data in licenza. Non esistono altre
> intese, accordi o dichiarazioni relative all’Opera che non siano
> quelle qui specificate. [cut]"). In generale, dovrebbe essere
> possibile concedere con accordi separati più di quanto viene concesso
> con una licenza CC, ma non "togliere" diritti che prima sono stati
> dati in licenza. O sbaglio?
Sì, lo scopo di quella clausola è di evitare che il titolare prima ti
conceda un permesso e poi te lo tolga.
Anche se potrebbe interpretarsi nel senso che non sia possibile il
multilicensing, pratica tutt'altro che rara, specie su Wikimedia Commons
e Wikipedia.
Ma torniamo sempre al punto di partenza: se non c'è data certa, non è
possibile stabilire, ad esempio, davanti a due diverse licenze cc, quale
licenza costituisca l'intero accordo tra le parti.
Se non c'è data e non c'è sottoscrizione, è preferibile rispettare la
volontà, pur male espressa (o contraddittoria, se preferisci), del titolare.

bye
nag




Maggiori informazioni sulla lista cc-it