[cc-it] incongruenze licenza

Federico Morando federico.morando a gmail.com
Lun 19 Apr 2010 10:10:41 EDT


Nicola A. Grossi wrote:
> Fermo restando che è preferibile utilizzare direttamente una licenza
> "non commerciale",
>   
OK, tutti d'accordo :-)
> l'incongruenza scompare se si fa un "combinato disposto", che è l'unica
> cosa che si può fare in questi casi
> come nei casi in cui una stessa opera venga rilasciata con più licenze
> irrevocabili anche molto diverse tra loro.
>
> Un esempio.
> In una licenza è scritto: puoi fare A, B, C; non puoi fare D, E, F.
> In un'altra licenza è scritto: puoi fare A, C, D, F; non puoi fare B ed E.
> In un'altra licenza è scritto: puoi fare A, B, C; non puoi fare D, E, ed F.
>
> Dunque, cosa posso certamente fare?
> Posso certamente fare soltanto ciò che mi è consentito fare sulla base
> delle 3 licenze.
> E cioè (nell'esempio): A e C.
>   
Vero, se la domanda è "Cosa posso certamente fare?". E, aggiungo, "Cosa 
posso certamente fare, ragionando in ottica estremamente prudenziale?".

Ma se la domanda fosse "Cosa posso ragionevolmente fare, a costo di 
correre qualche minimo rischio giuridico?" La mia risposta sarebbe, 
almeno nel caso di licenze Creative Commons: "Qualunque cosa almeno una 
delle licenze mi consenta di fare."

So che non ho adottato un'ottica di estrema prudenza. Ma, il mio altro 
approccio prudente potrebbe essere (ipotizzando che la non revocabilità 
delle licenze non regga in tribunale): "Quello che l'ultima licenza 
(ammesso che io possa capire qual è) mi autorizza a fare."
> L'espressione "Ove non diversamente specificato... ", non di rado
> inserita nella nota di copyright
> che accompagna la CC, allude proprio alla possibilità che quello che
> nella licenza è permesso, altrove sia vietato
> (_anche solo parzialmente_).
>   
Non sono d'accordo (o non ho capito quel che vuoi dire). La nota "Ove 
non diversamente specificato..." allude normalmente al fatto che la 
licenza si applica ad un intero sito ed a tutte le opere ivi pubblicate, 
salvo che un'opera abbia una licenza diversa. Non è dunque un'apertura a 
licenziare con una mano e togliere con l'altra, ma un modo di 
"risparmiare" sul numero di note sul copyright da apporre. Una sola per 
il sito ed al più un'altra per le opere "eterodosse" rispetto a quella 
licenza standard.

Tra l'altro -ma qui non è che io abbia riflettuto particolarmente - non 
bisognerebbe considerare anche la clausola 8.e delle licenze? ("La 
presente Licenza costituisce l'intero accordo tra le parti relativamente 
all'Opera qui data in licenza. Non esistono altre intese, accordi o 
dichiarazioni relative all'Opera che non siano quelle qui specificate. 
[cut]"). In generale, dovrebbe essere possibile concedere con accordi 
separati più di quanto viene concesso con una licenza CC, ma non 
"togliere" diritti che prima sono stati dati in licenza. O sbaglio?

Ciao,

Federico
> Simone Aliprandi ha scritto:
>   
>> certo certo, lo farò...
>> ma credo che sia anche utile segnalare in lista sia le best practice
>> che le worse practice.
>> è un lavoro un po' pedante ma a mio avviso necessario per evitare che
>> si diffondano modelli non corretti.
>>
>> ciao, Simone
>>
>> Il 16 aprile 2010 21.08, J.C. DE MARTIN <demartin a polito.it> ha scritto:
>>   
>>     
>>> Ciao Simone,
>>> hai mica pensato di avvertire anche i diretti interessati?
>>> Non so, infatti, se siano iscritti in lista.
>>>
>>> My 2 cents.
>>>     
>>>       
>>
>>
>>   
>>     
>
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>   




Maggiori informazioni sulla lista cc-it