[cc-it] Disassciarsi dalla SIAE (periodo intermedio)

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Gio 10 Set 2009 03:25:36 EDT


> Vi inoltro l'ultima risposta del signor Sandro Pasqual riguardo alle
> delucidazioni sulle opere non depositate:

Non so quanto il signor Pasqual gradisca che la sua risposta sia
riportata letteralmente in una lista pubblica, ad ogni modo mi sembra
che si tratti di una persona competente.
Le cose che dice sono vere e ben spiegate.
E' il finale dell'email che mi lascia un po' perplesso... non tanto
per l'ostentazione di titoli (tranquillamente evitabile) quanto per
l'atteggiamento da "se vuoi far musica in modo serio devi farla cosė".
Molta gente (e non a caso le persone che ormai si muovono in questi
ambienti da ormai un po' di anni) fanno fatica a realizzare che i
tempči stanno cambiando, e con loro anche i modelli giuridici ed
economici.
Non accetto molto questo approccio per cui le Creative Commons sono
cosa per dilettanti e idealisti. "Ma se vuoi fare le cose come si
deve, meglio lasciarle perdere."
E' proprio questa mentalitā che non rallenta la  diffusione di questi
nuovi modelli e strumenti.

> In altre parole se tu non dici nulla la SIAE conclude che quei brani sono
> sconosciuti e tutti vissero felici e contenti!

Forse, pur tristemente, č davvero cosė.
Alla fine se il sistema č nel caos, questo č il modo di trarre
vantaggio dal caos.
Ma vorrei tanto che ci fossero altri modi.

Un caro saluto.
-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org



Maggiori informazioni sulla lista cc-it