[cc-it] R: licenze cc per un documentario

Giovanni Ziccardi giovanniziccardi a yahoo.it
Mer 9 Set 2009 15:29:42 EDT


Caro Carlo,le domande che tu fai sono purtroppo, da un punto di vista legale, abbastanza complesse, come avrai notato anche dalle risposte di NAG e di altri. 

L'osservazione che ti hanno fatto quando hai portato il tuo documentario a masterizzare è comune anche qui a Milano e in altri posti d'Italia. Non accettano di replicarti l'opera se all'atto della "conclusione del contratto" non "compri" anche tutti i "bollini" che poi ti metteranno sull'opera. Come dice NAG, tutto si risolve nella compilazione di un modello (bada bene: non ti stai associando alla SIAE se non lo sei, è un'altra cosa) dove indichi il nome che vuoi che appaia sul bollino, di solito mettono 1 o 01 se è la tua prima opera, se il service cui ti rivolgi è professionale ti chiede anche DOVE vuoi che sia attaccato il bollino (sai, che non te lo mettano sul titolo...), paghi un tot a bollino (il costo complessivo dubito che inciderà suo tuo budget per più di 10 o 20 euro) e i giochi sono fatti.Ora, il problema che poni tu è molto più ampio, e in particolare:a) vai dal tizio del service e gli dici: "guarda, ho letto della polemica recente
 sui bollini, della giurisprudenza europea, delle interpretazioni, delle sentenze italiane, degli articoli di Minotti (i più precisi che ho letto) etc etc e NON VOGLIO i bollini. Lui ti guarda e a) se sei fortunato ti comincia a spiegare lui, come è successo a me, in punto di diritto perchè il bollino è obbligatorio, e ti assicuro che dopo 15 minuti che un titolare di un service di masterizzazione (bravissimo, per l'amor di Dio, a fare il suo mestiere) spiegava a me, avvocato e professore di diritto, come funzionavano le cose da un punto di vista giuridico (la SIAE ci denuncia, non è vero quello che leggi sono cimunisti, abbiamo direttive precise, poi in galera ci andiamo noi etc etc), ho tirato fuori dal portafoglio i 30 euro e ho lasciato perdere...b) se non ha tempo, ti dice che loro NON stampano e replicano cd senza bollino e non accettano la tua commessa.b) se il tizio ti ha detto che NON stampa, beh, ora, alcuni suggeriscono di evitare i
 GRANDI soggetti che masterizzano e di rivolgersi a piccoli soggetti che non sono così formali nella richiesta del bollino. Questo potrebbe essere un modo se proprio non vuoi mettere i bollini: cominci a telefonare e cercare qualcuno che ti faccia il servizio di replicazione senza chiedere il bollino. Oppure ti rivolgi all'estero.
Se decidi di NON stampare col bollino, beh, allora le considerazioni giuridiche sono molto complesse da capire e ti sono già state egregiamente sintetizzate. Detta fuori dai denti, se non ne fai una questione di principio, visto che abbiamo già tanti pensieri nella vita, vai di bollino. Se vuoi farne una questione di principio (ma come diceva il mio vecchio avvocato le cause di principio sono quelle che costano di più, ed è giusto che sia così) ti consiglierei di studiarti l'evoluzione della normativa sul contrassegno, le decisioni della corte europea, le interpretazioni e eventuali decisioni italiane etc etc e poi farti spiegare il tutto da un bravo avvocato. Certo, se la "sfida" al bollino siae viene da un buon prodotto che, ti auguro, possa avere tutto il successo possibile, beh, poi penso che ti ringrazieremmo tutti.
Molto velocemente sugli altri punti:a) che le radio o le tv non mandino prodotti di NON associati SIAE o prodotti senza bollino, beh, non farei di tutta l'erba un fascio. Può darsi che alcuni lo facciano, ma non è la regola. Che ti possa ostacolare il non essere associato siae nei rapporti contrattuali e commerciali quotidiani, visto che tu lo fai per lavoro, valuta accuratamente in concreto che risposte hai e poi decidi.b) non ho ben capito cosa intendi per "documentario registrato alla siae" nel tuo secondo quesito. se vuoi altri chiarimenti, chiedi pure.buon lavorog.z.
--- Mer 9/9/09, Carlo Cascione <carlo a masvoces.org> ha scritto:

Da: Carlo Cascione <carlo a masvoces.org>
Oggetto: [cc-it] licenze cc per un documentario
A: cc-it a lists.ibiblio.org
Data: Mercoledì 9 settembre 2009, 11:13

salve a tutti,
  sono il produttore di un documentario.
ho letto con attenzione le faq sul vostro sito, mi restano però alcuni dubbi
pratici:

- la casa di produzione che si dovrebbe occupare di fare le copie del docu,
dice - letteralmente - di non essere autorizzato a farle senza il 'bollino
SIAE'.. stanno compiendo un abuso?

- allo stesso modo un'agenzia che ho contattato mi dice che è impossibile
trattare con emittenti televisive se il documentario non è registrato alla
SIAE.

Vi chiedo delucidazioni su questi aspetti più pratici, se possibile.
Grazie,
carlo cascione
_______________________________________________
cc-it mailing list
cc-it a lists.ibiblio.org
http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it

- - - 
Giovanni Ziccardi (su Yahoo!) - http://www.ziccardi.org

Per comunicazioni fuori lista e/o private: g.ziccardi a tin.it

Blog: http://ziccardi.typepad.com
Blog attività Informatica Giuridica a Milano: http://infogiure.typepad.com
Net Jus v.2.0: http://www.netjus.it



      


Maggiori informazioni sulla lista cc-it