[cc-it] Disassciarsi dalla SIAE (periodo intermedio)

Roberto Maggi rob.maggi a gmail.com
Mar 8 Set 2009 03:45:57 EDT


Grazie a tutti delle risposte, vi inoltro la risposta ufficiale del tutor
SIAE che ho contattato:
---
*Rispondo alle due domande di Roberto.
1) quand\'è che legalmente scade il mandato? Quand\'è che posso iniziare a
distribuire le mie opere sotto CC senza dover sottostare all\'esclusiva
SIAE?
Per i cittadini comunitari non si tratta di un mandato ma di un rapporto
associativo. Come tutti i rapporti associativi, vale sino a che una delle
due parti non manifesta la volontà di cessarlo. Per questioni amministrative
la SIAE richiede agli associati di dare disdetta entro 90 giorni dalla
scadenza dell'anno solare, a valere per l'anno successivo (la Società
gestisce i diritti per anno solare, e non è pensabile di interrompere una
contabilità in mezzo al periodo).
Anche per gli associati alla SIAE è prevista la possibilità di escludere dal
mandato (cioè dall'incarico che l'associato affida alla SIAE) le
utilizzazioni su Internet; quindi -esplicitando l'intenzione- anche un
associato può affidare il repertorio ai Creative Commons.
A maggior ragione, dopo aver comunicato la disdetta dal rapporto
associativo, un autore può disporre liberamente del proprio repertorio (se
ne è l'esclusivo avente diritto).
2) se rilascio delle opere ora sotto CC, la SIAE quali diritti può vantare
su queste opere? e per quale periodo di tempo? (es. se rilascio una canzone
ora e fra 2 anni sta canzone fa successo e faccio un sacco di soldi, la SIAE
può venirmi a chiedere qualcosa? mi danno una multa?)
La SIAE non "chiede" nulla agli autori (al di là della quota associativa).
Il suo compito è chiedere agli utilizzatori, per poi dare il denaro agli
autori.
Come ho detto prima, sia per gli associati che a maggior ragione per i non
associati, la gestione delle opere on-line può avvenire senza
l'intermediazione della SIAE. Le auguriamo tutti di aver successo e di "fare
un sacco di soldi" (anche se, al di fuori delle società di gestione
collettiva, non capisco bene come possa pensare di fare un sacco di
soldi..lo dico da esperto di economia della musica, non da tutor SIAE!),
nessuno le farà multe.
Cordiali saluti, Sandro Pasqual*
--
Gli ho chiesto delucidazioni sul punto riguardante le opere future, ovvero :
se io da oggi alla fine dell'anno eseguo dal vivo un mio brano non
depositato in SIAE, loro possono vantare diritti di esclusiva su quel brano
basandosi sul mio status di associato? Atto pratico nessuno mi verrà a dire
nulla, però per curiosità voglio capire fino a quanto sono retrogradi i
criteri di questo ente.
Vi tengo aggiornati!

Roberto

Il giorno 07 settembre 2009 19.36, Simone Aliprandi <
simone.aliprandi a gmail.com> ha scritto:

> > allora... io non ne sono sicuro, ma sono quasi certo nell'affermare che
> per tutelare sotto CC i tuoi lavori semplicemente devi RIPUBBLICARLI,
> indicando la licenza che vuoi utilizzare, ad esempio nel sito del mio gruppo
> ho indicato che i lavori erano rilasciati secondo tale licenza. a suo tempo
> mi sono informato in caso una casa discografica avesse voluto distribuirli
> sotto siae e quanto h oscoperto ? che semplicemente basta che il nuovo
> supporto venga distribuito con le indicazioni appropriate (bollino siae
> eccetera).
> > a questo punto credo valga anche il contrario, correggetemi se sbaglio
> >
> > naturalmente chiunque abbia o continui a prelevare i contenuti sotto la
> vecchia licenza (se ancora reperibili) non compie alcun reato o chess? io
>
> non c'entra. la questione è di altro tipo.
> sta sovrapponendo due piani che invece vanno tenuti separati.
> come già più volte detto "opera sotto licenza Creative Commons" non è
> l'opposto speculare di "opera sotto SIAE". quello di cui parla lei è
> l'eventualità di un cambio di licenza, ed è in effetti così come dice.
> quello di cui invece parlava il signor Maggi è la questione del
> vincolo imposto dalla SIAE ai suoi associati. chiunque, anche un
> iscritto SIAE, può distribuire i suoi CD indicando la licenza Creative
> Commons... e questo nei confronti degli utenti dell'opera
> (licenziatari) sarebbe più che sufficiente. il problema sarebbe non
> tanto fra autore (licenziante) e utenti dell'opera, ma fra autore e
> SIAE sulla base dei vincoli associativi che lui ha sottoscritto
> iscrivendosi alla società.
>
> comunque entrando nel merito del quesito originario...
> non è detto che si debba attendere una comunicazione scritta che
> sancisca l'esclusione da un ente associativo. bisogna vedere cosa dice
> lo statuto, che su questo aspetto mi è ignoto.
> di solito le associazioni danno un po' di tempo al socio per
> regolarizzarsi, mandano un ultimo avviso e poi depennano il socio
> automaticamente. l'esclusione dei soci da un ente per morosità è
> sancito dall'assemblea e quindi l'elenco dei soci estromessi dovrebbe
> comparire nei verbali delle assemblee. è quello che fa testo. ci sono
> associazioni grosse che ogni anno hanno migliaia di soci nuovi e per
> contro migliaia di soci che abbandonano senza dimissioni espresse.
> figuariamoci se tutte si mettono lì a scrivere 3 o 4 lettere a
> ciascuno di loro per comunicare l'effettiva esclusione. ma - ripeto -
> questa è la prassi generale; nel caso della SIAE (che appunto ha tutto
> interesse a tenere legato a sè un socio il più possibile) bisogna
> vedere lo statuto cosa dice di preciso. e nel caso lo statuto sia di
> difficile interpretazione, è opportuno rivolgersi ad un legale per un
> consulto.
>
> un cordiale saluto.
> --
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it