[cc-it] Disassciarsi dalla SIAE (periodo intermedio)

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Lun 7 Set 2009 13:36:37 EDT


> allora... io non ne sono sicuro, ma sono quasi certo nell'affermare che per tutelare sotto CC i tuoi lavori semplicemente devi RIPUBBLICARLI, indicando la licenza che vuoi utilizzare, ad esempio nel sito del mio gruppo ho indicato che i lavori erano rilasciati secondo tale licenza. a suo tempo mi sono informato in caso una casa discografica avesse voluto distribuirli sotto siae e quanto h oscoperto ? che semplicemente basta che il nuovo supporto venga distribuito con le indicazioni appropriate (bollino siae eccetera).
> a questo punto credo valga anche il contrario, correggetemi se sbaglio
>
> naturalmente chiunque abbia o continui a prelevare i contenuti sotto la vecchia licenza (se ancora reperibili) non compie alcun reato o chess? io

non c'entra. la questione è di altro tipo.
sta sovrapponendo due piani che invece vanno tenuti separati.
come già più volte detto "opera sotto licenza Creative Commons" non è
l'opposto speculare di "opera sotto SIAE". quello di cui parla lei è
l'eventualità di un cambio di licenza, ed è in effetti così come dice.
quello di cui invece parlava il signor Maggi è la questione del
vincolo imposto dalla SIAE ai suoi associati. chiunque, anche un
iscritto SIAE, può distribuire i suoi CD indicando la licenza Creative
Commons... e questo nei confronti degli utenti dell'opera
(licenziatari) sarebbe più che sufficiente. il problema sarebbe non
tanto fra autore (licenziante) e utenti dell'opera, ma fra autore e
SIAE sulla base dei vincoli associativi che lui ha sottoscritto
iscrivendosi alla società.

comunque entrando nel merito del quesito originario...
non è detto che si debba attendere una comunicazione scritta che
sancisca l'esclusione da un ente associativo. bisogna vedere cosa dice
lo statuto, che su questo aspetto mi è ignoto.
di solito le associazioni danno un po' di tempo al socio per
regolarizzarsi, mandano un ultimo avviso e poi depennano il socio
automaticamente. l'esclusione dei soci da un ente per morosità è
sancito dall'assemblea e quindi l'elenco dei soci estromessi dovrebbe
comparire nei verbali delle assemblee. è quello che fa testo. ci sono
associazioni grosse che ogni anno hanno migliaia di soci nuovi e per
contro migliaia di soci che abbandonano senza dimissioni espresse.
figuariamoci se tutte si mettono lì a scrivere 3 o 4 lettere a
ciascuno di loro per comunicare l'effettiva esclusione. ma - ripeto -
questa è la prassi generale; nel caso della SIAE (che appunto ha tutto
interesse a tenere legato a sè un socio il più possibile) bisogna
vedere lo statuto cosa dice di preciso. e nel caso lo statuto sia di
difficile interpretazione, è opportuno rivolgersi ad un legale per un
consulto.

un cordiale saluto.
-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org



Maggiori informazioni sulla lista cc-it