[cc-it] Festival CC a Quarrata!

Nicola A. Grossi nag a area01.org
Mer 2 Set 2009 20:57:01 EDT


Andrei avanti:

"... che condizionano fortemente il panorama artistico e letterario e
che lo piegano spesso e volentieri alle logiche del mercato o ne
limitano fortemente la diffusione".

Solo un paio di brevi considerazioni.

1. Per quanto riguarda le licenze CC, sono assolutamente piegabili alle
logica di mercato. Perché no?
Addirittura sono state presentate come "business della conoscenza".
Quindi non parlerei del mercato in senso antitetico rispetto alle licenze.

2. Il fatto socialmente rilevante, rivoluzionario, per citare il vostro
"manifesto",
non sta nella licenza (che tecnicamente è uguale a "quelle attualmente
in uso nel nostro Paese": addirittura si possono trovare licenze più
permissive di alcune CC),
ma nel rapporto fiduciario, nell'intuitus personae inevitabilmente
connesso al fatto che la licenza (documento informatico nel 99,9% dei
casi non sottoscritto elettronicamente)
è giuridicamente debole, quasi inesistente (una precaria e mutevole
sequenza di bit dispersi nel cyberspazio).

E' la diffusione di una prassi di condivisione basata sulla fiducia (non
sul contratto) il lato forte delle CC.
Il lato forte sta nel lato debole, in quell'atto di comunicazione che,
nella pratica e (per lo più) in essa soltanto, libera il bene immateriale.

La rivoluzione sulla piazza (telematica) è per natura anche caotica: per
cui è normale vedere persone adottare dei principi
senza avere delle conoscenze molto approfondite. E' un po' come sfilare
con il libretto rosso di Mao senza averlo mai letto: è normale,
così, storicamente, avviene la rivoluzione.
Quindi voi, amici, fate parte di questa rivoluzione: i vari festival
sulle CC ne sono la prova.
Il resto sono dettagli per tecnici.

Ovviamente poi, alla fine della rivoluzione, il mondo resta com'è,
inutile dirlo. :-)
Addirittura si può pensare che le rivoluzioni servano al sistema per
rigenerarsi.
Ma non fasciamoci troppo la testa. Ora è il tempo di questa rivoluzione.

bye
nag


Simone Aliprandi ha scritto:
>> quindi invito tutti, oltre che a partecipare, a visionare
>> il sito www.ptondo.it/liberarti e segnalare eventuali strafalcioni ;)
>>     
>
> Se può interessare un parere del tutto personale, questo passaggio non
> mi piace molto. E' riduttivo, e foriero del solito equivoco che
> Creative Commons si pone come un'alternativa al diritto d'autore.
>
> "LiberArti promuove un'alternativa pratica e ideale, quella delle
> Licenze Creative Commons (sito ufficiale italiano), rispetto alle
> licenze attualmente in uso nel nostro Paese"
>
> Un cordiale saluto.
>
>   




Maggiori informazioni sulla lista cc-it