[cc-it] riflessione su DRM e CC

Giorgio - Audiophilo anomalsound a gmail.com
Dom 18 Ott 2009 04:38:03 EDT


Ciao,scusa l'ignoranza Simone, ma per DRMS si intendono i sistemi di Digital
Rights Management (con la "S" per indicare un plurale) o altro?


2009/10/17 Simone Aliprandi <simone.aliprandi a gmail.com>

> Lancio uno spunto di dibattito.
> Ho letto la recensione del libro di Bisi e Di Cocco che si trova qui:
>
> http://netjus.typepad.com/net_jus_ten_years_after/2008/12/s-bisi-c-di-cocco-a-cura-di-la-gestione-e-la-negoziazione-automatica-dei-diritti-sulle-opere-delling.html#more
> e sono rimasto colpito dalla citazione che si trova in fondo.
> ---
> "Grazie all’impiego di DRMS, si concretizzerebbe allora una sorta di
> “gestione
> creativa” dei diritti d’autore, non più confinata a licenze di utilizzo
> standardizzate, ma in grado di seguire e supportare gli autori, grazie
> all’ausilio
> delle nuove tecnologie, nelle politiche di diffusione delle opere
> dell’ingegno,
> senza stringenti limiti, giuridici o di fatto, imposti dalla gestione
> collettiva o da
> licenze come le Creative Commons."
> ---
> Non sono sicuro di aver capito cosa intende dire l'autore in questo
> passaggio.
> Voi come la vedete?
> [Anzi, magari c' l'autore stesso fra i partecipanti alla lista. Non
> ricordo]
>
> Un caro saluto.
> --
> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it