[cc-it] per conto di AndreaS: "Richiesta informazioni su

andreas a netic.it andreas a netic.it
Lun 29 Giu 2009 09:59:11 EDT


Ringrazio tutti per i messaggi che avete mandato su questo tema.
Mi sono serviti molto a chiarire un po' la situazione.
Ciao

Andrea Saroldi

 * * * * * *


Dimenticavo: Paparo non è mio cugino ma il responsabile dell'uffcio G10,
che appunto si occupa
dei marchi nazionali; vi consiglio di parlare con lui per avere conferma
della possibilità di
registrare il marchio "gas". Così evitate spese inutili.


bye
nag

p.s.
Sono riuscito a scrivere tre parole in inglese e a sbagliarle, non è da
tutti. :-)


Nicola A. Grossi ha scritto:
> Serpica naro il marchio lo ha registrato:
> http://www.uibm.gov.it/dati/Avanzata.aspx?load=info_uno&id=1259908&table=TradeMark
>
> Poi ha rilasciato una comunissima licenza per l'utilizzo dello stesso.
> E' una prassi comune.
>
> Un po' come ha fatto anche creative commons, che però si è ben guardata
> dal rilasciare il suo marchio sotto licenza CC. :-)
> Un altro esempio famoso del mondo open? La Linux Foundation col marchio
> "linux".
> La differenza tra le aziende del "mondo open" e quelle del "mondo
> closed", sta nel fatto che, generalmente,
> le licenze con cui vengono rilasciati i marchi sono più permissive.
> Ma stiamo parlando sempre di marchi registrati.
>
> Allora Andrea: se non registri il marchio, la licenza non ti serve, ma
> se registri il marchio,
> una licenza può servirti.
>
> Ma non ti servirà a far valere il marchio, ma, ad esempio, a concedere
> ad altri la possibilità di utilizzarlo a certe condizioni.
>
> Quindi, forse, a te interessa solo registrare il marchio.
>
> Qui però potrebbe sorge un altro problema, perché voi non siete
> un'impresa, ma delle associazioni
> senza scopo di lucro. It's correct?
>
> E quindi l'Ufficio Brevetti e Marchi potrebbe anche respingere la vostra
> richiesta qualora
> ritenga che il marchio non tuteli un'attività d'impresa.
>
> Al limite fatevi una chiacchierata con Sante Paparo al numero +39 06
> 47053081.
>
>
> p.s.
> Credo che Serpica Naro abbia avuto un'idea geniale, di cui forse non è
> consapevole:
> sei precario e vuoi un lavoro? E' semplice, diventa imprenditore. :-D
>
> bye
> nag
>
>
>
>
>
>
>
>
>
>
> J.C. De Martin ha scritto:
>
>> E' vero che la relazione con le licenze CC in senso stretto e' nulla,
>> ma l'aspirazione di estendere l'approccio CC anche ai marchi
>> e' sentita gia' da qualche anno.
>>
>> Con peraltro alcuni risultati tangibili: v. per es. il caso
>> di Serpica Naro, http://www.serpicanaro.com/node/18
>>
>> best,
>>
>> juan carlos
>>
>>
>>
>> On Fri, June 26, 2009 10:32, Simone Aliprandi wrote:
>>
>>
>>>> Vi chiedo scusa se la domanda è un po' balzana, decidete voi se
>>>> può essere utile rispondere alla lista o direttamente a me.
>>>>
>>>>
>>> La domanda è in effetti un po' balzana, per una questione giuridica di
>>> fondo.
>>> Le licenze CC si basano sul diritto d'autore.
>>> Invece, a quanto mi sembra di aver capito, a voi interessa la tutela e
>>> la relativa gestione dei diritti di marchio, che appunto si ispirano
>>> ad altri principi (quelli del diritto dei marchi).
>>> Se mi è concesso il paragone, voi vorreste fare una cosa tipo quella
>>> fatta dalla Open Source Initiative con il "marchio" OPEN SOURCE. O
>>> sbaglio?
>>> Un cordiale saluto.
>>> --
>>> Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
>>> _______________________________________________
>>> cc-it mailing list
>>> cc-it a lists.ibiblio.org
>>> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>>>
>>>
>>>
>>>
>>
>>
>
>
>

_______________________________________________
cc-it mailing list
cc-it a lists.ibiblio.org
http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it






Maggiori informazioni sulla lista cc-it