[cc-it] chiarimenti su una pubblicazione

Nicola A. Grossi nag a area01.org
Sab 3 Gen 2009 14:47:05 EST


La soluzione sta nell'ossimoro espresso nel sottotitolo:
un equilibrio fra anarchia// e controllo.

Però se c'è qualcuno che vede il giocare sul tempo o sull'incorporazione 
dell'opera in un certo tipo di supporto o su
elementi "proprietari" (impaginazione, grafica... ma vorrei capire 
quanto sono artistici e quanto sono originali questi elementi!) come un 
"gioco sporco" che almeno i guru della cultura libera potrebbero evitare 
(dato che la loro scommessa è proprio quella di dimostrare che i libri 
si vendono anche se qualcuno li fotocopia), non mi scandalizzo.

Intendiamoci bene sucosa significa quella frase: un equilibrio fra 
anarchia// e controllo.

Si tratta di un punto di equilibrio tra never rights reserved e all 
rights reserved, ossia some rights reserved.
Non sta ad indicare un punto di equilibrio tra some rights reserved ed 
all rights reserved.

Qui l'equilibrio si è spostato.
Per carità, viva questo tipo di distribuzione... anche io metterei la 
firma se tutti facessero così...
Ma, utilizzando questi stratagemmi commerciali, l'equilibrio su cui si 
fonda il some rights reserved salta.

E si porta dietro anche possibili spiacevoli risvolti pratici:
vorrei chiedere a Parrella se esistevano versioni elettroniche 
autorizzate di "Cultura Libera"
prima del maggio del 2005. Perché wikipedia dice (forse è falso) che 
quella di Aliprandi è antecedente, e
Aliprandi ha appena ammesso di non sapere che la versione cartacea era 
all rights reserved (dunque
non ha mai sentito la necessità di chiedere permessi perché credeva che 
già fossero stati accordati).

Per cui la mia posizione è di equilibrio tra le parti:
signori, che nessuno si scandalizzi di nulla. :-)

Un' ultima considerazione a parte sul sottotitolo:
non bisogna confondere anarchia e anomia.

Per indicare il never rights reserved sarebbe preferibile parlare di anomia,
perché l'anarchia rifiuta il governo, il potere, il domino, ma non 
esclude né il diritto
né l'organizzazione.

Finiamola anche col rilegare l'anarchia al solito ruolo di caotico e 
disordinato (magari anche un po' bastardo)
elemento che sta all'estremo e che quindi è privo di virtù.

Colgo l'occasione per augurare un Buon Anno a tutti.

bye
nag

Giovanni Ziccardi ha scritto:

>Caro illegal,
>grazie a te per la domanda intelligente. Vedo che Bernardo Parrella ti ha già risposto, secondo me correttamente. Aggiungo alcune cose, avendo curato la presentazione ai lettori dell’edizione italiana, che trovi sul libro.
>Per prima cosa, ti consiglio di collegarti al sito di Amazon, fare una ricerca con la voce “Lessig”, ottenere la lista di tutte le edizioni delle sue pubblicazioni e cliccare la copertina di ognuna. Ti incollo io il link qui così fai prima, e segui un po’ il percorso che ho fatto io: http://www.amazon.com/s/ref=nb_ss_gw?url=search-alias%3Daps&field-keywords=lessig&x=0&y=0
>Ora, noterai che il reader di Amazon ha anche una voce “copyright”. Tu cliccala, e avrai la risposta a quali condizioni di copyright sono sottoposte le opere in lingua inglese di Lessig quando escono a stampa. In pratica, ti si rende manifesto il rapporto contrattuale che Lessig ha scelto quando, finita una sua opera, ha contattato l’editore per la pubblicazione su libro della sua “creatura”. Come sai Lessig si serve di grandi editori, essendo un Autore di diffusione mondiale, ma ha anche un buon potere contrattuale (che utilizza per garantire altre forme di distribuzione). Noterai però che tutte le opere in cartaceo sono pubblicate in full copyright tranne, come ha notato giustamente Bernardo, la versione 2 di Code che a fianco alla dizione “Copyright Lawrence Lessig” ha annotato CC NC o qualcosa del genere.
>
>Ora, fin qui nulla di strano: Lessig, terminate le sue opere, come è suo diritto, ha pensato a pubblicarle in maniera tradizionale (un libro stampato), ha negoziato i diritti con gli editori, sia per la versione in inglese sia per quella in altre lingue e ha diffuso le sue pubblicazioni in tutto il mondo. Non vedo nessuno scandalo in questo, anzi. 
>
>Rimaniamo sul versante cartaceo (il “libro tradizionale”): il passaggio successivo è che alcuni editori svegli, anche in Italia, hanno notato nelle pubblicazioni di Lessig, magari su suggerimento in tempi non sospetti da parte di persone intelligenti come Parrella, un buon “prodotto”. La Feltrinelli  ha acquistato i diritti per la stampa delle opere di Lessig (negoziando e pagando), ha stampato i libri di Lessig (uno con Apogeo e altri con Feltrinelli) e li ha messi in commercio. Li ha messi in commercio, mi risulta, più o meno con le stesse condizioni con le quali sono pubblicati in tutto il mondo. Anche perché penso non avesse, l’editore, grandi margini contrattuali (anche se sarebbe interessante, ad avere il tempo, vedere se le edizioni su libro in altre lingue recano altre dizioni o la semplice “copyright”). Ecco allora che, come dici, tu, in libreria trovi un libro di Lessig che è identico, in termini di condizioni contrattuali e
> di copyright, a gran parte dei libri che oggi circolano e sono messi in vendita. Anche qui nulla di strano (conoscendo Lessig, penso che abbia tentato, nei confronti di questi grandi editori, la carta della possibilità di far mettere il loghetto CC anche sul cartaceo, ma probabilmente non ci è riuscito, o magari ha rinunciato in partenza e ha scelto altre vie per raggiungere lo stesso obiettivo).
>
>Lessig, però, come dicevo prima, ha oggi un forte potere contrattuale, e può dialogare con gli editori che sceglie: ecco che, presumibilmente, ha proposto a tali editori di poter fare circolare gratuitamente anche una copia del libro in formato elettronico, con diversa impaginazione, ma liberamente scaricabile (con i limiti di una licenza abbastanza restrittiva, NC). 
>Ecco allora che Lessig ha offerto al mondo una seconda possibilità. Vuoi comprarti il libro? Fallo. Vuoi risparmiare sul costo del libro? Puoi scaricare e stampare il testo. Se ci pensi, non ha fatto una cosa nuova. Quante opere (Shakespeare) tu le puoi comprare in libro da Feltrinelli o scaricartele da Internet? Insomma, la cosa bella che anche Lessig persegue, nonostante la sua opera non sia così “vecchia” da essere caduta nel pubblico dominio ma sia appena stata pubblicata, è quella di lasciarti scegliere, e penso che per raggiungere un obiettivo simile abbia faticato non poco (per quello non ho ben capito il commento di Simone, che pur dovrebbe conoscere il mondo editoriale e le difficoltà che sussistono nel cercare di far cambiare idea anche, e soprattutto, ai grandi editori).
>Non solo: tu ti sei collegato al siti di copyleft italia, ma se ti colleghi al sito “ufficiale” di apogeo noterai che il libro è disponibile in html, nel suo testo completo, anche su quel sito, diviso per parti. Ti dico di più: noterai la dizione che “questo libro è distribuito sotto licenza CC” proprio sotto l’indicazione dell’ISBN.
>Ecco allora che, da un punto di vista pratico, hai ragione tu: la situazione è un po’ confusa: il libro dice che vi è il copyright tradizionale, il file pdf dice che il libro (ma sarebbe più corretto dire il libro come impaginato e scritto sul file pdf o sull’html che stai leggendo, sei sicuro che siano uguali?) è sotto CC e sul sito di Apogeo c’è scritto che il “libro” è in CC.
>
>La tua titubanza è giusta, ma a me sembra, la cosa molto lineare. Anzi, facessero così tutti gli editori… In fin dei conti, la cosa più importante per un libro, secondo me, è che sia rilasciato sotto CC il contenuto, non tanto la confezione. Io ho adottato il libro che tu citi per anni nel mio corso obbligatorio di informatica giuridica a Milano (dal 2004 a sino a un anno fa) e chiaramente (in guida di facoltà e il primo giorno di lezione) si diceva agli studenti che potevano scaricarselo gratis da Internet, dando il link (perché è poi quello che interessa agli studenti, scaricarlo gratis, non tanto condividerlo o “crearci sopra”) oppure andare nella libreria e acquistarlo a un prezzo ragionevole (a memoria mi sembra che costasse 15 euro, con lo sconto che gli studenti hanno lo avrebbero pagato 12). Gran parte dei miei studenti si presentavano in esame con il libro di Apogeo (più comodo da studiare, da leggere, da sottolineare, da portarsi
> in giro).
>
>Ho apprezzato, oltre all’intelligenza della tua osservazione, il tuo tono pacato e non polemico. Il futuro non è nel monopolio o nella scelta di una sola posizione (che porterebbe ad orrori interpretativi), ma nella diversificazione: pagherei per un mondo dove tutti i libri uscissero in forma tradizionale, full copyright, ma con lo stesso identico  testo scaricabile liberamente in CC, anche NC, e Lessig ha fatto capire che ciò può essere possibile, come stanno facendo capire alcuni piccoli editori. Vorrei però far notare che Lessig pubblica con i migliori editori mondiali: per quello mi sembra che si sia in presenza di un successo, e non di un qualcosa di cui vergognarsi o da criticare... Anche perché viene da chi CC l’ha inventato e impostato, e che quindi ci avrà pensato bene prima di noi... :-D
>Se ci pensi, ultimo ma non ultimo, in una situazione come quella che hai prospettato tu (del libro di Lessig hai sia il testo liberamente scaricabile, copiabile e incollabile reperibile su Internet sia il cartaceo) a che servirebbe il CC anche sul libro? Essenzialmente a permetterti di fotocopiarlo o passarlo allo scanner e metterlo su Internet, o diffonderlo, in un formato identico al libro venduto, ma allora perdi di vista lo spirito di CC, che è quello di diffondere e fare circolare l’opera creativa, il contenuto, e ti interesseresti al “guscio” (il lavoro di impaginazione fatto dall’editore, o la possibilità di fare fotocopie). Ma chiunque anche oggi potrebbe prendere la versione elettronica, impaginarla e numerarla in maniera identica a quella cartacea, stesso formato, stesse dimensioni, e renderla scaricabile, ovviamente NC.
>La conclusione può essere solo positiva: del libro di Lessig c’è anche la versione elettronica, in lingua italiana. Punto. Facessero tutti così, i grandi editori, sui libri recenti. 
>Perché trovare lati negativi (non mi riferisco a te) anche nel positivo? E ci scandalizziamo perché dal creatore di CC non c’è il marchietto CC sul suo libro? Ma dai... Pensiamo a tutto ciò che ha fatto e sta facendo per CC, che mi sembra più importante.
>
>Giovanni
>
>
>- - - 
>Giovanni Ziccardi (su Yahoo!) - http://www.ziccardi.org
>
>Per comunicazioni fuori lista e/o private: g.ziccardi a tin.it
>
>Blog: http://ziccardi.typepad.com
>Blog attività Informatica Giuridica a Milano: http://infogiure.typepad.com
>The Net Jus Book Review: http://www.netjus.it
>Legal Drama Society: http://www.legaldrama.it
>
>
>--- Sab 3/1/09, bernardo parrella <berny a cybermesa.com> ha scritto:
>
>
>
>      
>_______________________________________________
>cc-it mailing list
>cc-it a lists.ibiblio.org
>http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>  
>





Maggiori informazioni sulla lista cc-it