[cc-it] Incontro Siae - CC

Charlie Boraley charlieboraley a gmail.com
Dom 8 Feb 2009 03:55:24 EST


In riferimento alla discussione con ultimo intervento del 6 febbraio 2009

Buongiorno a tutti,
in queste settimane ho avuto il bisogno di informarmi su CC e la sua
efficacia in quanto sono il curatore della comunicazione di un
progetto di diffusione di musica rilasciata su licenza CC.
Mi sono reso conto di vari punti forti e deboli che cercherò di esporre.

Il primo punto debole è il fatto che mi sono accorto che Creative
Commons, nonostante l'ottimo progetto, non sia conosciuto nella
realtà. C'è bisogno di una comunicazione che arrivi dritta sul campo,
informando prima di tutti gli artisti, ma non sottovalutando gli
ascoltatori.
Mi spiego meglio, parlando del campo di mio interesse, la musica.
Ho parlato con molti gruppi musicali e mi sono reso conto che Creative
Commons non gode ancora di fiducia da parte degli artisti proprio
perchè non c'è quasi testimonianza della sua esistenza oltre il web.
Parlando con i musicisti e spiegando i meccanismi SIAE in parallelo a
quelli Creative Commons, oltre ad un grande sospiro di sollievo, ho
sentito una grande voglia di reagire ai meccanismi SIAE e voler
abbracciare CC.
Inoltre sto cercando, e con buoni risultati, di convertire alcuni
locali che hanno musica in diffusione e live music a locali di
diffusione CC.

Fortunatamente l'incontro tra CC e SIAE, in realtà, è una cosa che fa
comodo proprio alla SIAE ed è rendendoci conto di questo che possiamo
spingere sui diritti che dovrebbero appartenere ad ogni persona.

Vi espongo i punti forti su cui ho basato le discussioni con artisti e
gestori di locali:

1- Musica in diffusione.
Ci rendiamo conto del fatto che la SIAE fa pagare una tassa per
diffondere musica da impianti stereo?!?!
L'osservazione diventa sempre più assurda se si pensa che la musica in
diffusione è registrata alla SIAE, il cd ha un bollino SIAE e
nonostante tutto la catena di pagamento continua all'infinito.
La domanda che ha "svegliato" i gestori dei locali con cui ho parlato è stata:
"Hai fornito una lista dei brani che avresti diffuso per avere il "permesso"?
La risposta:
"No, ho solo versato 330 Euro, come ogni anno..."
Da quì l'osservazione che è davvero difficile che tale importo venga
suddiviso a chi di dovere.

2- Impossibilità di usare la propria opera.
L'artista che ha firmato il contratto SIAE e depositato i propri
brani, di fatto, perde la libertà di usare la propria creazione.
E quì i musicisti sono assolutamente insorti.

3- Con CC ogni pirata diventa semplicemente un persona con interesse
per la cultura (assurdo no?!?!?)

Concludo quì l'elenco per non dilungarmi ulteriormente.

Il succo sta nel fatto che si deve scendere in campo e diffondere CC a
tutti coloro a cui può interessare.
Io ed il mio collettivo ci stiamo muovendo davvero molto nella zona di
Napoli e prenderemo presto contatti con altri collettivi CC per creare
una rete di "sensibilizzazione" a questo discorso.
Sono molto ottimista e disposto ad investirci tempo e denaro, se
necessario, proprio perchè da comunicatore e musicista vorrei essere
libero di esprimere e sentire tutto ciò che voglio.

Manteniamo salde le posizioni e cambiamo la nostra realtà.

Se volete essere informati sul progetto che sto curando con i miei
collaboratori scrivetemi a:
charlieboraley a gmail.com

Forza!!!



Maggiori informazioni sulla lista cc-it