[cc-it] Comunicato CC Italia: Costituito gruppo di lavoro misto CC-IT/SIAE

Michele Sestu composer a michelesestu.com
Ven 6 Feb 2009 04:55:10 EST


>
> Il giorno 05/feb/09, alle ore 23:02, Deborah De Angelis ha scritto:
>
>> Cari tutti,
>> faccio seguito al comunicato del 10 gennaio u.s., avente ad oggetto
>> la costituzione del Gruppo misto C/SIAE,
>> al fine di fornire alla lista un aggiornamento in merito al lavoro
>> che stiamo seguendo.
>>
>> L'obiettivo del Gruppo è quello di implementare un apposito mandato
>> Siae
>
> un mandato SIAE significa i soliti enormi e spropositati costi di  
> licenze SIAE
> per organizzatori di eventi e spazi web generici (incluso il caso in  
> cui
> per "organizzatore" si intenda l'autore stesso in situazioni di  
> autoproduzione)
> Ovviamente basterà fare una licenza non-commercial, ma non è questo  
> il punto,
> mi sembra piuttosto il principio sbagliato: perchè far mangiare la  
> SIAE ancora una volta?
> Le licenze creative commons italiane sono state tradotte ed adattate  
> alle leggi italiane,
> così come quelle di tutto il mondo, ma hanno un carattere  
> universale. Per caso
> negli altri Stati si sta procedendo per dare un mandato a una  
> società terza? Perchè alla fine in Italia si finisce sempre allo  
> stesso modo?
>
>
>> per gli autori che hanno optato
>> per il rilascio delle proprie opere con licenze Creative Commons (e
>> simili),
>
> addirittura "e simili"
>
>> riservandosi gli usi commerciali
>> e che decidano di affidare alla SIAE la raccolta e la distribuzione
>> dei relativi compensi.
>
> questa è la prima notizia positiva: "decidano di" ... l'unica mia  
> speranza è che
> non diventi prassi obbligatoria
>
>>
>> Il mandato, che avrà carattere sperimentale, per essere implementato
>> dovrà, in seguito, essere approvato dagli organi sociali dell'ente.
>
> io spero vivamente di no
>
>>
>>
>> Nella prima riunione, tenutasi il 9 gennaio u.s., sono state
>> affrontate le problematica relative alla struttura del mandato,
>> nonchè si è discusso dello sviluppo dell'economia legata alla
>> distribuzione di opere con licenze Creative Commons,
>> fornendo spunti di interesse per la stessa Siae.
>>
> me li immagino già quali possano essere gli $punti di intere$$e
>
>
>> Nella seconda riunione,  svoltasi il 27 gennaio u.s, si è iniziata ad
>> affrontare la problematica relativa alla distinzione tra il concetto
>> di utilizzo commerciale e non,
>> raffrontando le pratiche attuate da parte della Siae ad alcuni casi
>> specifici tipici di Internet, nel quali la suddetta distinzione
>> appare davvero labile.
>> Il lavoro del gruppo sta procedendo in modo celere, gli incontri sono
>> infatti a cadenza bisettimanale.
>>
>> La terza riunione è stata fissata per il 17 febbraio 2009, ove
>> saranno ulteriormente approfonditi i temi oggetto
>> della riunione precedente.
>>
>> Sarà mia cura tenervi di nuovo aggiornati.
>>
>> Buona serata,
>>
>>
>> Deborah
>>
>>
>> ____________________________
>> Avv. Deborah De Angelis
>> Studio Legale DDA
>> 00195 Roma
>> Via Premuda, 16
>> tel. +39.0639745622
>> fax +39.0639038833
>> avv.deborahdeangelis a virgilio.it
>> www.ddastudiolegale.it
>
>
> un appunto per chi sostiene l'inamministrabilità dei proventi da  
> diritto d'autore per
> licenze cc e simili:
> Sono un musicista e ho tanti colleghi più o meno quotati che  
> lavorano chi più chi meno.
> Ho anche qualche amico nel ramo della musica cosiddetta "commerciale".
> Per chi non lo sapesse, la fetta derivante dalla spartizione dei  
> proventi da diritto
> d'autore è, nella migliore delle ipotesi, irrisoria e, nella  
> stragrande maggioranza
> dei casi è un vero miraggio.
> NON fate l'errore di dare un mandato di amministrazione per proventi  
> che quasi
> sempre saranno ridicoli, quando di fatto, impossibiliterete molti  
> organizzatori a
> suonare la vostra musica "amministrata per mandato", vi prego non  
> fatelo.
> Le licenze cc sono finalmente una cosa pulita .... non sporchiamole.




Maggiori informazioni sulla lista cc-it