[cc-it] Magnatune e grovigli.

J.C. DE MARTIN demartin a polito.it
Gio 30 Apr 2009 14:35:48 EDT


> Ah beh... se  per questo io lo dico da mesi... anzi anni.
> C'erano anche delle linee guida per l'uso delle liste, che per non
> sono mai state inserite n linkate in quella pagina.
> Il risultato  quello che si poteva prevedere... che la gente
> competente che poteva dare risposte utili in questa lista si 
> disinnamorata della cosa e lascia spesso cadere nel vuoto le richieste
> (senza parlare di quelli che si sono cancellati dalla lista).
>   

Scusandomi con gli altri iscritti alla lista per la parentesi "meta",
quanto hai scritto, Simone, e' -almeno in questa forma- un non sequitur,
e anche provando a seguire, non credo che tu abbia ragione.

O vuoi davvero sostenere che il mancato reminder delle regole 
universalmente
note di netiquette produrrebbe gli effetti che descrivi?

Inoltre, secondo te, persone, che non nomini, si sarebbero 
"disinnamorate della cosa",
lascerebbero "spesso cadere nel vuoto le richieste", mentre altre si 
sarebbero
"cancellate dalla lista".

OK, grazie molte per l'informazione.
Che non e' la prima volta che ci tieni a far sapere.

Ora pero' posso chiederti qual e' il problema?

Questa e' una lista moderata e quindi non ci sono piu' i flame di  una 
volta.

E come in tutte le liste, chi vuole, posta, e
chi vuole e puo', risponde.
Come in tutte le liste.

Nel frattempo, sono state pubblicate FAQ ufficiali, frutto di anni di 
lavoro.
FAQ che probabilmente riducono di non poco il flusso di domande in lista.

Ed e' anche andato a regime, ormai da due anni, il servizio licenze libere,
SeLiLi, http://selili.polito.it, per chi non voglia o non possa 
ricorrere alle mailing list,
servizio che ha trattato gratuitatamente quasi cento domande di vario tipo,
e ha anche erogato alcune consulenze professionali,  pubblicando sul sito
le relative massime affinche' le consulenze tornino utili a tutta la 
collettivita'.

E guardando alla situazione generale, l'utilizzo delle licenze e' in 
continua espansione,
con l'Italia, come riconosciuto anche da Creative Commons USA,
uno dei primi 4-5 paese al mondo per successo delle licenze.

Insomma, pur rimanendo sempre consapevole che si potrebbe certamente
fare di piu' e meglio (anche perche' si lavora su base volontaria)
posso tornare a chiederti: c'e' davvero il problema grande e greve
che periodicamente ci sottolinei?

grazie

juan carlos de martin





Maggiori informazioni sulla lista cc-it