[cc-it] licenze 3.0 e diritto sui generis

Federico Morando federico.morando a gmail.com
Gio 9 Ott 2008 06:40:55 EDT


Ho letto la pagina (http://sciencecommons.org/resources/faq/databases) 
qualche tempo fa - e confesso di non averla riletta ora con attenzione - 
ma mi pareva che fosse largamente condivisibile.

Riguardo l'ipotesi di "strutturare alcune versioni (fra cui
quella italiana) delle licenze CC 3.0 in modo tale che licenziassero
anche altri diritti oltre ai diritti d'autore 'classici'", posso almeno 
confermarti che non l'hai sognata.

Di sicuro, la questione è attivamente dibattuta (e lascio naturalmente a 
J.C. De Martin o ad altri più direttamente coinvolti nelle discussioni 
in questione il compito di dire se si sia raggiunto un qualche punto 
fermo e/o se sia possibile fare previsioni in merito).

Chiaramente, data la molteplicità degli "altri diritti" che potrebbero 
essere coinvolti (dall'articolato diritto sui generis sui database, al 
relativamente banale caso delle "semplici fotografie"), c'è una tensione 
tra il desiderio di mantenere rigorosa (e formalmente "elegante") la 
licenza e quello di permettere una libera circolazione di una pluralità 
di contenuti (ovviamente, il riferimento all'eleganza non è solo 
"estetico": una licenza inelegante è anche di più difficile ed incerta 
interpretazione).

Un possibilità - che io appoggerei pienamente (ma sono più un economista 
che un giurista, per cui potrebbero sfuggirmi molte implicazioni di 
questo approccio) - è quella di modificare quantomeno la premessa e la 
definizione dell'opera nella licenza, al fine di includere non solo il 
"diritto d'autore", ma anche "altri diritti attribuiti dalla legge sul 
diritto d'autore", esplicitamente menzionando almeno i "diritti 
connessi" ed i "diritti sulle banche dati".

Dettagli di implementazione a parte (che, lo ammetto, sono qui 
cruciali), l'approcci sarebbe dunque abbastanza simile a quello seguito 
in Olanda e Belgio: personalmente, penso che l'obiettivo debba essere 
quello di creare una licenza che possa appunto licenziare tutti i 
diritti sui beni immateriale che un creatore possa generare, anche 
perché sarebbe complesso per l'autore anche solo rendersi conto di quali 
e quanti diritti connessi possano proteggere contemporaneamente la sua 
opera.

Ciò detto, è allo stesso tempo necessario strutturare le FAQ in modo 
tale che - nel caso i titolari di diritti siano più d'uno - il soggetto 
interessato a licenziare tramite CC possa capire con chi e come entrare 
in contatto prima di procedere al rilascio di un'opera sotto una 
licenza, che rischierebbe di gestire ben più dei diritti sotto il suo 
effettivo controllo. Da questo punto di vista, ammetto, tirare in ballo 
i diritti connessi non aiuta: ad esempio, l'autore di una banca dati dal 
punto di vista del diritto d'autore ed il costitutore dal punto di vista 
del diritto sui generis possono essere soggetti diversi, col secondo che 
funge spesso da finanziatore dell'attività del primo.
In ogni caso, inviterei a non lasciarsi spaventare troppo dalle 
complessità tecnico giuridiche (che pure vanno considerate): infatti, 
nei casi in cui più soggetti siano coinvolti, eventualmente con rapporti 
di lavoro o altrimenti strutturati, è probabile che anche dal punto di 
vista del "semplice" diritto d'autore ci si trovi davanti a situazioni 
non facilissime da gestire ed è altresì probabile che esistano specifici 
rapporti contrattuali che regolano i rapporti tra le parti. Di contro, 
per gli autori non professionali o per i gruppi di coautori non legati 
da particolari rapporti contrattuale è probabile che si possa facilmente 
ottenere che tutte le parti si accordino per licenziare tutti i loro 
diritti sotto CC alle medesime condizioni, a prescindere da una chiara 
definizione ex ante dei precisi limiti dei diritti di ciascuno.

Per ora, penso di avervi annoiato a sufficienza, ma resto "in ascolto" 
su questa discussione che ritengo cruciale per lo sviluppo di CC.

Cordiali saluti,

Federico


Simone Aliprandi wrote:
> Tra l'altro scopro solo ora, inserendo su google "creative commons
> database rights", l'esistenza di questa pagina:
> http://sciencecommons.org/resources/faq/databases
> Cosa ne pensate? Mi sembra interessante.
> 
> Un caro saluto.



Maggiori informazioni sulla lista cc-it