[cc-it] Pubblicazione di un libro cartaceo con CC

Micaela Gallerini mat.r.gl a gmail.com
Mer 12 Nov 2008 10:39:48 EST


Il 10/11/08, Federico Morando<federico.morando a gmail.com> ha scritto:

>  Ho generalizzato e fatto un'analogia un po' impropria, ed entrambe le cose
> portano ad essere imprecisi. Mi spiace.
>
>  Tutto quello che volevo dire è che, secondo i termini di alcune licenze
> open source e segnatamente della GNU GPL, esiste un obbligo di rendere
> disponibile il "codice sorgente" dei programmi distribuiti con tale licenza,
> proprio in quanto il sorgente è la versione del programma facilmente
> modificabile. (Chi distribuisce il codice oggetto, infatti, ha l'obbligo di
> offrire "equivalent access to the Corresponding Source in the same way
> through the same place at no further charge").
>

va bene, attenzione però a non confonderci.
Source in inglese non è prettamente il codice sorgente, ma quello che
in italiano viene chiamato

algoritmo di programmazione

che è il programma vero e proprio, non è scritto in linguaggio di
programmazione ma in italiano per esempio, francese o inglese o
tedesco o altro che si voglia.

Quello che dice lei è il

source code

codice sorgente.

Quindi potrei mettere distribuire l'algoritmo e permettere a chiunque
di modificarne la programmazione e tradurla come più gli aggrada.

Concordo comunque con il resto che ha scritto.

>  Un po' paradossalmente, ed è questo quello cui pensavo quando ho fatto
> l'analogia di cui sopra, le licenze CC impediscono l'uso di DRM, ma
> permettono la distribuzione della sola copia cartacea che - in un certo
> senso - è simile ad una copia protetta da un abbastanza potente "DRM
> naturale", che impedisce operazioni come il "copia&incolla" o la facile
> ristampa alla stessa qualità dell'originale...

non posso farci copia-incolla, ma posso fotocopiarlo tranquillamente,
quindi comunque non è un drm cartaceo ciò che dice lei.
Se voglio posso anche scannerizzarlo e mettermelo sul pc, nessuno me
lo vieta, però non avrò la stessa qualità del cartaceo tutto qui,
quindi non vedo impedimenti di sorta.
E' naturale che parlando di realtà e non di internet la qual cosa sia
leggermente diversa, nemmeno un vinile può essere duplicato con mp3 se
non è stato fatto da uno studio di registrazione e quindi con mezzi
propri e non caserecci, ciò però non implica che vi sia DRM applicato,
se tale vinile fosse sotto CC allora le persone non perderebbero nulla
se potessero portarlo su musicassetta.


>  [E' su questo punto che, penso, potrebbe valer la pena riflettere nel
> discutere sulle licenze CC; tuttavia, l'esplicito requisito di rendere
> disponibile online una versione dei lavori licenziati non è certo questione
> che possa essere decisa a livello di Creative Commons Italia...]
>

no, penso anche io che tale decisione spetti solo all'autore, è lui
che decide come muoversi per il suo marketing e se la pubblicazione
online non lo interessa è giusto che non possa avvalersene e che
comunque non sia obbligato a farlo.
Veda anche che ci sono persone che non utilizzano internet, perchè non
hanno un ADSL, quindi sarebbero menomati da un obbligo di
pubblicazione, dovrebbero rimanere collegati parecchio tempo prima di
poter operare e controllare sistematicamente tutto il loro lavoro
online.


>  Siamo c'accordo rispetto al fatto che non si possano distribuire copie di
> qualità così degradata da risultare pregiudizievoli del diritto
> all'integrità dell'originale (si era parlato, forse su questa stessa lista,
> di un video così degradato da rendere i titoli di coda illeggibili).
> Tuttavia, per quel poco che so, non ogni riduzione della qualità dell'opera
> può essere considerata pregiudizievole in questo senso. Ad esempio, dubito
> che il passaggio dagli eventuali 1200 e più dpi di un originale stampato con
> una stampante laser ai magari 300 dpi di una scannerizzazione/fotocopia
> possa (di per  sé) comportare l'impossibilità di redistribuire la versione
> scannerizzata/fotocopiata (almeno se parliamo di un testo scritto,
> perfettamente leggibile a 300 dpi; forse lo stesso non varrebbe per una
> fotografia artistica, per la quale la degradazione in questione sarebbe
> probabilmente eccessiva o comunque al limite dell'accettabile).

mh...per riuscire a scannerizzare una copia di un libro senza averne
una degradazione effettiva il libro dovrebbe essere di al massimo 15
pagine, copertine compreso, di più si vedono le pieghe del libro sulle
cuciture o la parte incollata e le pagine esterne del libro, non
parlando che se è in un formato diverso da A4 con lo scanner, ma per
esempio è un A3, si farebbe fatica a vedere.
Non è vietato, ma rimetterlo in vendita o ripubblicarlo in quelle
condizioni risulta essere una degradazione del libro stesso.
L'unico modo possibile sarebbe rompere il libro pagina per pagina e
scannerizzarlo in quel modo, ma a quel punto non saprei quanto vale il
gioco visto che il libro è stato pagato...=_='

buona serata a tutti.

-- 
"La verità rende liberi dai giochi degli attori"
Rashna
Micaela Gallerini



Maggiori informazioni sulla lista cc-it