[cc-it] Pubblicazione di un libro cartaceo con CC

Federico Morando federico.morando a gmail.com
Lun 10 Nov 2008 11:35:27 EST


[Temo di essere un po' off-topic per questa lista, ma forse c'è qualche 
spunto di discussione sulle licenze.]

Micaela Gallerini wrote:
>>  Non esiste un obbligo a rendere disponibile la versione digitale o il
>>  testo online (a differenza di quanto accade per il codice sorgente dei
>>  programmi open source).
> non è vero, chi glielo ha detto?...O.o

Ho generalizzato e fatto un'analogia un po' impropria, ed entrambe le 
cose portano ad essere imprecisi. Mi spiace.

Tutto quello che volevo dire è che, secondo i termini di alcune licenze 
open source e segnatamente della GNU GPL, esiste un obbligo di rendere 
disponibile il "codice sorgente" dei programmi distribuiti con tale 
licenza, proprio in quanto il sorgente è la versione del programma 
facilmente modificabile. (Chi distribuisce il codice oggetto, infatti, 
ha l'obbligo di offrire "equivalent access to the Corresponding Source 
in the same way through the same place at no further charge").

Inoltre, non intendevo dire che esiste un obbligo a distribuire online 
il sorgente, ma semplicemente che esiste un obbligo a distribuire il 
sorgente stesso (gratuitamente e con gli stessi canali usati per 
distribuire il codice oggetto). Obbligo che NON esiste per le licenze 
CC. Nel mio discorso, l'analogia - implicita e forse fuorviante - era 
(libro stampato)=(codice oggetto) e (versione digitale non protetta da 
DRM)=(codice sorgente).

Un po' paradossalmente, ed è questo quello cui pensavo quando ho fatto 
l'analogia di cui sopra, le licenze CC impediscono l'uso di DRM, ma 
permettono la distribuzione della sola copia cartacea che - in un certo 
senso - è simile ad una copia protetta da un abbastanza potente "DRM 
naturale", che impedisce operazioni come il "copia&incolla" o la facile 
ristampa alla stessa qualità dell'originale...
[E' su questo punto che, penso, potrebbe valer la pena riflettere nel 
discutere sulle licenze CC; tuttavia, l'esplicito requisito di rendere 
disponibile online una versione dei lavori licenziati non è certo 
questione che possa essere decisa a livello di Creative Commons Italia...]

> Un programma opensource è detto in questo modo solo ed esclusivamente
> perchè si concede la possibilità di modificare il codice di chi lo
> utilizza e potrebbe anche essere non tutto il codice ma solo una parte
> o qualche modulo, non perchè deve essere necessariamente scaricabile
> online.

Sul fatto dello scaricabile online siamo d'accordo. Per il resto, è una 
questione di definizioni. Potremmo anche essere d'accordo sul fatto che 
parlando di open source in generale l'unico requisito sia quello della 
disponibilità del sorgente, ma si potrebbe alternativamente far 
riferimento a definizioni specifiche e ben più restrittive di open 
source, come quella dell'OSI (http://www.opensource.org/docs/osd).
[Comunque è un tema che esula dagli argomenti di questa lista, per cui 
mi fermo qui.]

>> Ovviamente, però, non potreste impedire ad altri
>>  di scannerizzare il libro e metterlo online o simili.
> se la scannerizzazione significa mantenere la stessa qualità di un
> .pdf allora non glielo si può impedire, se la scannerizzazione del
> libro modifica in qualche modo degradando l'opera e rendendola non
> qualitativa come l'originale (il libro cartaceo) si può intervenire e
> richiedere la rimozione del suddetto libro online non originale.

Siamo c'accordo rispetto al fatto che non si possano distribuire copie 
di qualità così degradata da risultare pregiudizievoli del diritto 
all'integrità dell'originale (si era parlato, forse su questa stessa 
lista, di un video così degradato da rendere i titoli di coda 
illeggibili). Tuttavia, per quel poco che so, non ogni riduzione della 
qualità dell'opera può essere considerata pregiudizievole in questo 
senso. Ad esempio, dubito che il passaggio dagli eventuali 1200 e più 
dpi di un originale stampato con una stampante laser ai magari 300 dpi 
di una scannerizzazione/fotocopia possa (di per  sé) comportare 
l'impossibilità di redistribuire la versione scannerizzata/fotocopiata 
(almeno se parliamo di un testo scritto, perfettamente leggibile a 300 
dpi; forse lo stesso non varrebbe per una fotografia artistica, per la 
quale la degradazione in questione sarebbe probabilmente eccessiva o 
comunque al limite dell'accettabile).

Federico





Maggiori informazioni sulla lista cc-it