[cc-it] licenza sperimentale Siae per la copia ad uso lavoro del DJ

CyberMix cybermix a digitaljockey.it
Ven 30 Maggio 2008 14:24:28 EDT


Vediamola anche da questo lato.
Trovo veramente singolare fare questa sanguinosa battaglia sul bollino 
salvo poi disinteressarsene (pagando ovviamente per questo tipo di 
licenza) vista l'impossibilità materiale di verificare l'effettivo 
possesso dei supporti originali (perché di verifica di proprietà non si 
può certo parlare, altrimenti trasformiamo la musica in bene mobile 
registrato: capito dove andiamo a parare?!?!), accettando di fatto che 
un dj abbia un certo numero di files-cd, qualunque sia la provenienza.
Intanto però, secondo la lettera della legge sul diritto d'autore, chi 
compra files digitali non può spostarli, nello stesso identico formato, 
nelle varie memorie di massa disponibili sul mercato, ma deve lasciarli 
sulla memoria di massa dove è stato scaricato originariamente. E qui non 
parlo di farne una copia, di usare un solo singolo file.
Come dire, basta paghi ed hai più diritti di chi compra musica legale.
Mi auguro almeno che i proventi di questa licenza vada solo ed 
esclusivamente agli autori dei pezzi che verranno dichiarati in copia 
dai dj, spero che chi ha studiato questa licenza si sia ricordato di 
questo. Sarebbe veramente comico che invece quanto riscosso andasse dove 
va a finire ancora oggi...
Nel frattempo siamo ancora a combattere con un borderò da compilare a 
penna (e guai a fare un errore) mentre c'è chi può generare in qualsiasi 
momento un report non modificabile dei pezzi realmente passati in serata 
indicando giorno, ora, minuto e secondo di esecuzione, non che i minuti 
ed i secondi di durata dell'esecuzione.
Ma questa si sa è fantascienza.... o forse ignoranza....
Ma noi vogliamo ancora vedere il dj che usa i vinili e che al massimo 
masterizza i suoi pezzi da suonare su vecchi CDJ-100 e che scrivono sul 
borderò con una lampada a pila in bocca i pezzi passati, che quasi mai 
corrispondono a verità. Vogliamo fare qualcosa di diverso?
Inoltre se la Siae si sentisse soddisfatta delle sue pretese immagino 
che la SCF voglia la ovviamente la sua parte, qualcuno mica vorrà 
credere che la SCF sia soddisfatta semplicemente con gli accordi 
stipulati dalla stessa con i vari sindacati dei locali 
d'intrattenimento. Quindi l'eventuale accordo con la Siae in realtà non 
garantisce il libero uso delle copie uso lavoro per dj.
Parliamo un pò di modelli di business nel campo musicale.
Tutti i principali esperti indicano nei sistemi flat e nei diritti 
connessi il futuro della musica.
Ora però questi sistemi, ancora più di prima, dipendono in modo vitale 
dall'esatta ripartizione dei compensi per quanto i singoli pezzi vengono 
effettivamente scaricati all'interno dell'abbonamento sottoscritto e di 
cosa effettivamente eseguito in pubblico. Mi chiedo invece perché le 
Radio paghino la Siae sul fatturato, quando quasi tutti ormai hanno 
regie automatiche in grado di produrre dettagliatissimi report sulla 
musica realmente eseguita.
In questo futuro di sistemi flat i piccoli autori, come chi vende 1000 
vinili, prenderà sempre meno dalla Siae e da questo sistema di licenza 
dj ad uso lavoro ha solo da perderci se non attenatamente tutelato dalla 
Siae stessa. Il dj-producer, figura ormai comune, rischia di pagare due 
volte senza ricevere niente in cambio. Ripeto, non vedo quale sia il 
progresso per la professionalità del dj né vedo un beneficio reale per 
chi produce musica dance in Italia, perché non stiamo parlando di liscio 
o musica lirica .
Paolo Benocci.


Davide d'Atri ha scritto:
> Caro Paolo,
>
> mi associo a gli avvocati De Angelis e Nicosia in quanto penso che sia 
> stato comuqnue importante affermare il diritto di copia di un 
> originale per uso DJ. L'avvocato De Angelis mi sembra che abbia avuto 
> un buon risultato che contribuisce allo svecchiamento dell'istituzione 
> SIAE. Il fatto che un DJ non potesse copiare per riproduzione in 
> pubblico era assolutamente anacronistico.
> é ovvio che c'è ancora molto da fare in varie direzioni e menzioni 
> giustamente la questione borderò. Al contrario penso che sbagli per 
> altre considerazioni:
> 1. se volgio prestare i miei vinili ad un altro dj è sacrosanto che io 
> lo possa fare. é un comportamento umano, è il mercato che lo richiede 
> e sono i business che dovrebbero adeguarsi trovando altre forme di 
> profitto. Dico prestare ma potrebbe essere copiare condividere etc 
> etc. (sempre che ovviamente l'artista sia d'accordo). Tra l'altro il 
> mercato dei vinili è abbastanza particolare ed un dj stampa forse 
> 1000/2000 copie. Una volta vendute quelle io sarei piu che contento 
> che la gente condividisse la mia musica e la facesse ascoltare in giro 
> per eventi. (se non hai venduto è perche non sei capace....non sono 
> particolarmente talentuoso ma al terzo disco le miei 1000 copie le ho 
> sempre vendute. e l'ho sempre fatto per hobby...) Ricordiamo infatti 
> che un dj vive spesso sui compensi che riceve per suonare piuttosto 
> che sulla vendita diretta della sua musica in qualsiasi forma. Per 
> questa ragione penso che sia importante che il nome del DJ giri il più 
> possibile.
> 2. Dici poi che vuoi fare una battaglia sul far comprare la musica 
> originale. Ma perchè non fai una battaglia sul rinnovamento di una 
> industria discografica che non ha saputo (o non ha voluto) capire che 
> le esigenze del mercato, le tecnologie a disposizione e le modalità 
> d'uso della musica sono molto cambiate negli ultimi 10 anni. Per 
> questa ragione i manager, i proprietari, gli editori  ma anche gli 
> artisti dovrebbero capire che il modello "paga-per-singolo-prodotto" è 
> ormai superato. é importante quindi che il mercato proponga nuovi 
> business model che possano soddisfare il pubblico. Solo in situazioni 
> di monopolio (o oligopolio non competitivo) le aziende impongono un 
> servizio/prodotto invece di ascoltare il consumatore servendo il mercato.
>
> In ogni caso il mercato si sta liberalizzando inesorabilmente (sia per 
> quanto riguarda le società private sia per quelle a partecipazione 
> pubblica) e manager ed artisti troppo attaccati ad un passato ormai 
> andato dovranno finalmente cercare nuove soluzioni.
>
> Thumbs up for l'avvocato De Angelis e le sue battaglie.
>
> In bocca al lupo Paolo,
> Davide d'Atri
> BeatPick.com
>
> www.linkedin.com/in/davidedatri <http://www.linkedin.com/in/davidedatri>
> I am listening to: http://www.beatpick.com/Maryz-Eyez
>
>
> 2008/5/28 CyberMix <cybermix a digitaljockey.it 
> <mailto:cybermix a digitaljockey.it>>:
>
>     Proviamo allora a fare un esempio pratico, così si esce dal generico.
>     Poniamo che io voglia creare 2000 copie digitalizzate di miei vinili
>     anni '70 ed '80 e voglia usufruire di questa licenza.
>     La Siae farà un database degli stessi brani, ma chi controlla che
>     io sia
>     veramente proprietario di quei vinili? Andiamo tutti all'ufficio
>     siae di
>     zona a farglieli vedere? E chi mi vieta di prestare i miei vinili
>     ad un
>     altro dj per registrare gli stessi il giorno dopo? Gli uffici Siae mi
>     marchiano i vinili dichiarati? O piuttosto basterà (pagando ovviamente
>     la Siae per questa bella licenza) inviare una lista dei titoli che io
>     dichiaro che sono copie di supporti originali? A questo punto mi
>     conviene passare ore, giorni, settimane a digitalizzare 2000 vinili o
>     magari trovarli su emule e poi inserirli in lista?
>     E questo aiuterebbe a combattere il fenomeno del file sharing? O
>     piuttosto è una sanatoria-condono in cui ci guadagnano solo i dj
>     disonesti e quelli che comprano musica legale vengono equiparati a
>     quelli che non comprano musica? Questa "licenza" non somiglia tanto al
>     famoso "equo compenso" applicato su cd-dvd vergini e sugli hard disk?
>     Ebbene sì, siamo tutti pirati: mi permetto sommessamente di
>     dissentire....
>     Ed in tutto questo discorso rimangono fuori quelli che sono
>     destinati a
>     diventare (anzi, lo sono già, ma non si può dire) lo strumento
>     principale utilizzato dai dj nel loro lavoro, i files digitali
>     acquistati legalmente.
>     Vogliamo fare invece una vera battaglia per l'acquisto e l'uso degli
>     originali, qualsiasi forma essi abbiano e tutelare per davvero chi
>     rispetta la legge?
>     Vogliamo lavorare sulla questione borderò, per tutelare davvero gli
>     autori dei brani passati realmente nei locali da ballo?
>     No, noi ci preoccupiamo delle copie uso lavoro per dj.
>     Proprio vero, come punto di partenza non c'è male.....
>     Paolo Benocci.
>
>
>
>     Giuseppe Nicosia ha scritto:
>     > CyberMix wrote:
>     >
>     >> Trovo questa sulle copie sulle copie lavoro una battaglia di
>     >> retroguardia vecchia di dieci anni che non tiene in nessun
>     conto dei
>     >> progressi tecnologici in corso. Inoltre mi sembra di capire che
>     >> vengano assimilati alle copie uso lavoro i files originali
>     acquistati
>     >> su internet, files sui quali sono stati già pagati ogni tipo di
>     >> diritto d'autore e che quindi, per la stessa legge sul diritto
>     >> d'autore, non richiedono alcuna "licenza sperimentale". Spero
>     >> vivamente che questo punto venga chiarito.
>     >> Trovo inoltre quantomeno irrealistico che qualcuno si metta a
>     >> digitalizzare i migliaia di vinili che ha, né vedo perché si
>     debbano
>     >> fare copie di cd o files digitali quando si possono usare senza
>     >> difficoltà gli originali.
>     >> Questa mi sembra solo una sorta di sanatoria-condono che premia
>     i dj
>     >> disonesti e punisce come al solito chi da sempre compra musica
>     legale
>     >> in qualsiasi forma essa sia.
>     >> Non vedo cosa ci sia da festeggiare.
>     >> La battaglia è sull'uso degli originali, non sulle copie, ma
>     >> evidentemente ancora non si è ben capito.
>     >> Paolo Benocci.
>     >>
>     >>
>     >> Deborah De Angelis ha scritto:
>     >>
>     >>
>     >>> Cari amici,
>     >>>
>     >>> credo di farvi cosa gradita nell'informarvi di questa novità-
>     >>> Vi ringrazio se vorrete darne massima comunicazione.
>     >>>
>     >>> un caro saluto,
>     >>>
>     >>> Deborah De Angelis
>     >>>
>     >>>
>     >>> Roma, 21 maggio 2008.
>     >>>
>     >>> Si è tenuto presso la Direzione Generale della SIAE il primo
>     >>> incontro con le associazioni maggiormente rappresentative della
>     >>> categoria dei Dj per discutere la bozza della nuova licenza
>     >>> sperimentale della Siae per la copia ad uso lavoro del DJ.
>     >>> Era presente una delegazione dell'A-DJ (Associazione DJ)
>     composta da:
>     >>>
>     >>>     * Avv. Deborah De Angelis (Presidente A-DJ)
>     >>>     * Claudio Coccoluto (Presidente Onorario A-DJ)
>     >>>     * Piero Fidelfatti (Vice Presidente A-DJ)
>     >>>     * Avv. Marco Grasselli (Comitato Scientifico A-DJ)
>     >>>     * Maurizio Clemente (Associato Fondatore A-DJ)
>     >>>
>     >>> La licenza sperimentale autorizza il DJ a suonare
>     legittimamente le
>     >>> copie dei supporti originali o dei file musicali di cui lo stesso
>     >>> sia legittimo titolare (ossia devono avere una provenienza
>     legale).
>     >>> Per rendere operativa la licenza in oggetto la Siae ha
>     implementato
>     >>> un sistema di gestione on line del repertorio di opere musicali
>     >>> oggetto di riproduzione ai fini della copia ad uso lavoro.
>     >>>
>     >>> Per maggiori informazioni contattate A-DJ sulla pagina
>     >>> http://www.myspace.com/associazioneadj
>     >>> Oppure alla loro email: associazione_a-dj a libero.it
>     <mailto:associazione_a-dj a libero.it>
>     >>>
>     >>>
>     >>>
>     >>> _________________________________
>     >>> Avv. Deborah De Angelis
>     >>> DDA LAW FIRM
>     >>> 00195 Roma
>     >>> Via Premuda, 16
>     >>> tel. +39.06.39.74.56.22
>     >>> fax +39.06.39.03.88.33
>     >>> e-mail: avv.deborahdeangelis a virgilio.it
>     <mailto:avv.deborahdeangelis a virgilio.it>
>     >>> _______________________________________________
>     >>> cc-it mailing list
>     >>> cc-it a lists.ibiblio.org <mailto:cc-it a lists.ibiblio.org>
>     >>> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>     >>>
>     >>>
>     >>>
>     >>>
>     >>
>     >> _______________________________________________
>     >> cc-it mailing list
>     >> cc-it a lists.ibiblio.org <mailto:cc-it a lists.ibiblio.org>
>     >> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>     >>
>     >>
>     ------------------------------------------------------------------------
>     >>
>     >>
>     >> No virus found in this incoming message.
>     >> Checked by AVG. Version: 8.0.100 / Virus Database: 269.24.1/1466 -
>     >> Release Date: 25/05/2008 18.49
>     >>
>     >>
>     > Non sono d'accordo. . Secondo me iniziare da qualche parte è sempre
>     > positivo. L'importante è non fermarsi, anche perche', così si aprono
>     > vari scenari possibili.
>     > Giuseppe Nicosia
>     >
>     >
>     >
>
>     _______________________________________________
>     cc-it mailing list
>     cc-it a lists.ibiblio.org <mailto:cc-it a lists.ibiblio.org>
>     http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>
>




Maggiori informazioni sulla lista cc-it