[cc-it] blogbabel rischia di chiudere per "colpa" delle licenze creative commons

Nicola A. Grossi nag a area01.org
Ven 28 Mar 2008 10:30:18 EDT


J.C. De Martin ha scritto:

> > [...] Infatti da
>  
>
>>qualche parte (ma ora sinceramente non ricordo dove: forse un'altra
>>mailing-list) avevo anche accennato alla teoria interessante di
>>considerare tali licenze più come permessi condizionati che contratti;
>>quindi più atti unilaterali che atti bilaterali-sinallagmatici. Ciò
>>cambierebbe molto la prospettiva di analisi.
>>Ma non so se in meglio o in peggio.
>>    
>>
>
>A me viene in mente questo articolo:
>
>Carlo Piana, "Licenze pubbliche di software
>e contratto", Diritto d'autore, n. 7/2006, p. 720-727.
>URL: www.piana.eu/repository/720_727.pdf
>
>
>  
>

A me viene in mente che Creative Commons Italia ha sempre sostenuto
che le licenze cc sono contratti ed ha espressamente consigliato 
l'utilizzo della firma elettronica qualificata.

Se poi davanti al problema della forma scritta avete cambiato idea... :-)

Nel qual caso, il documento più autorevole (ed imparziale: perché è 
ovvio che da Moglen a Piana la GPL altro non può essere che un atto 
unilaterale: non conosco legali di FSF che sostengano il contrario... e 
questo fa capire proprio la portata del problema) di cui potete disporre 
è questo:
http://www.csptorino.it/dettaglio_news.asp?P=26

Una sentenza del 2001 che certamente non ha fatto scuola ma in cui un 
giudice di pace sostiene che una licenza per software è un atto 
unilaterale.

Ricordo, infine, che, di tutto questo, abbiamo già avuto modo di parlare 
lo scorso anno con Massimo Melica:
http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/2007-January/003754.html

Infine, un semplice ragionamento fatto in nome del buon senso: in un 
sistema di civil law il precedente non è vincolante e quindi è ben 
possibile che altri giudici (anche togati) invertano la rotta.
Quand'anche la rotta si invertisse (auguriamocelo, non sono certo io a 
volere la salita) non per questo vi sarà mai la certezza che una licenza 
non venga considerata un contratto (tenete presente, tanto per dare 
un'idea anche ai non addetti, che una donazione - benché possa sembrare 
l'atto unilaterale per eccellenza - è un contratto tipico, ossia altro 
non può essere che un contratto).

Da quanto appena detto traggo la mia opinione: non sarebbe serio 
rassicurare i licenziatari cc dicendo loro che un giudice potrebbe o - 
ancor peggio - dovrebbe considerare la licenza un atto unilaterale. 
Serio è, piuttosto, offrire agli utenti le informazioni necessarie per 
cautelarsi: per soddisfare la forma scritta ad probationem e per 
sottoscrivere talune clausole si utilizzi la firma elettronica qualificata
(anche la firma elettronica semplice potrebbe bastare).

Tutto il resto fa parte della discussione giuridica, tanto affascinante 
quanto priva di certezze definitive, da cui terrei ben lontani gli 
utenti, che dai "se" e dai "ma" non possono trarre nulla di 
concretamente utile.

E guardiamo al futuro con serenità evolutiva: la sottoscrizione on-line 
sarà il prossimo passo dell'uomo sapiens sapiens.

bye
nag




Maggiori informazioni sulla lista cc-it