[cc-it] blogbabel rischia di chiudere per "colpa" delle licenze creative commons

J.C. De Martin demartin a polito.it
Gio 27 Mar 2008 17:39:53 EDT


 > [...] Infatti da
> qualche parte (ma ora sinceramente non ricordo dove: forse un'altra
> mailing-list) avevo anche accennato alla teoria interessante di
> considerare tali licenze più come permessi condizionati che contratti;
> quindi più atti unilaterali che atti bilaterali-sinallagmatici. Ciò
> cambierebbe molto la prospettiva di analisi.
> Ma non so se in meglio o in peggio.

A me viene in mente questo articolo:

Carlo Piana, "Licenze pubbliche di software
e contratto", Diritto d'autore, n. 7/2006, p. 720-727.
URL: www.piana.eu/repository/720_727.pdf

Abstract:
Il presente articolo si propone di indagare sulla natura contrattuale o 
meno delle licenze pubbliche di software e in generale di materiale 
soggetto a diritto d’autore. Più precisamente, se sia necessario 
ritenere che una licenza pubblica di software o di contenuti artistici 
sia un contratto o non possa essere (anche e soprattutto) qualcos’altro. 
O meglio ancora, se l’atto giuridico che importa disposizione del 
diritto d’autore per una o più copie di un programma per computer o di 
contenuti artistici con licenza pubblica sia necessariamente un contratto.


juan carlos



Maggiori informazioni sulla lista cc-it