[cc-it] blogbabel rischia di chiudere per "colpa" delle licenze creative commons

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Gio 27 Mar 2008 14:04:41 EDT


> Sarebbe interessante sentire anche altre voci in
> materia.

Non sapete quanto vorrei mettermi qui e scrivere cose interessanti e
utili a questo dibattito, ma purtroppo così su due piedi non riesco.
Lo ammetto.
Da un lato per ragioni più banali, e cioè che sono appena rientrato da
Bolzano per il Document Freedom Day (in cui tra l'altro abbiamo
parlato anche di formati aperti in ambito di contenuti multimediali, e
quindi di rilfesso anche un po' di open content e licenze CC);
dall'altro lato perchè questo è davvero un argomento tanto centrale
quanto delicato, su cui dovrei riflettere e documentarmi bene per
scrivere cose sensate.
Ammetto che io stesso nei miei scritti, non ho mai trattato la
questione della forma scritta con la dovuta profondità.
Tutto credo sia legato all'annosa questione se far rientrare o meno le
licenze di libera distribuzione nell'ambito del diritto civile
contrattuale. Non è sempre pacifica questa collocazione. Infatti da
qualche parte (ma ora sinceramente non ricordo dove: forse un'altra
mailing-list) avevo anche accennato alla teoria interessante di
considerare tali licenze più come permessi condizionati che contratti;
quindi più atti unilaterali che atti bilaterali-sinallagmatici. Ciò
cambierebbe molto la prospettiva di analisi.
Ma non so se in meglio o in peggio.
Scusate se non vado oltre, ma sono giorni veramente intensi e non
riesco a dedicarci il tempo necessario. Spero tuttavia che possa
risultare uno spunto utile.

Un caro saluto,
-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org



Maggiori informazioni sulla lista cc-it