[cc-it] blogbabel rischia di chiudere per "colpa" delle licenze creative commons

Micaela Gallerini mat.r.gl a gmail.com
Gio 27 Mar 2008 06:24:37 EDT


2008/3/27, Alfredo B. <alfbuc a yahoo.it>:
>
> No ma non intendevo dire questo, e in effetti è così: non è che con
>  una licenza "migliore" il problema si sarebbe risolto, è semplicemente
>  un episodio che ha evidenziato alcune problematiche, generali, legate
>  all'utilizzo dei feed.
>

Secondo me la questione è un po' più complessa, perchè non riguarda
solo l'utilizzo dei feed ma per esempio anche i trackback.

In pratica, indipendentemente dal fatto che si tratti di feed o
trackback di un semplice link, la questione è che molti in internet
sono convinti che qualunque cosa sia pubblicata sia di dominio
pubblico e chiudono uno o due occhi su eventuali licenze che esistono.

Informaticamente sia il feed sia il trackback sono semplicemente la
pubblicazione di un link, il problema è che quei link hanno un
contenuto anche di una sola riga e se quel contenuto è sotto una
qualunque licenza sul diritto d'autore, anche la sola pubblicazione
del link che riporta al contenuto licenziato deve rispettare in toto
la licenza abbinata (che i giuristi della lista mi correggano se
sbaglio per cortesia).

>  Quello che può credo essere utile è il fatto che l'utente utilizzi una
>  licenza cc, e che questa sia stata utilizzata ed è entrata nel
>  dibattito per difendere (forse a ragione) la propria richiesta, e
>  anche che forse si è sfiorata la prima causa italiana - almeno che io
>  sappia - che coinvolge la diffusione di contenuti licenziati in questo
>  modo.
>

Richieste come queste se ne vedono molte in giro a dire il vero,
almeno da quanto vedo io, se ne conoscono pochi di casi girati qui in
lista, ciò non significa che non ci siano.
Che si sia sfiorata una causa, io non direi, il signore PaulTheWineGuy
ha sempre dichiarato di non voler andare in causa, ma ha cercato di
far rispettare i suoi diritti.
Cosa in cui sembrerebbe non essere riuscito, visto che l'hanno
accusato di essere la causa prima (lui e l'altra signora) per la
chiusura del sito.

>  Anzi volendo l'episodio dimostra proprio l'efficienza delle licenze.
>

Sarei d'accordo se fosse andato tutto a buon fine, ossia gli admin
avessero eliminato il feed dei due utenti che lo richiedevano e si
sarebbero fatti la procedura informatica per evitarsi il lavoro due
volte.
Invece, loro si sono rifiutati di modificare il loro comportamento ed
hanno chiuso il blog addossando la colpa a chi chiedeva un suo preciso
diritto, in questo modo sono riusciti a far odiare agli utenti di quel
sito chi richiede un diritto proprio come autore, per evitarsi un
minuto di lavoro (perchè per fare quella procedura ci si impiega una
manciata di minuti e non ore o secoli, pensiero personale non
polemico).
Se, avessero riconosciuto il diritto dell'utente allora la licenza
avrebbe avuto una sua efficienza e una sua validità, purtroppo molti
non conoscono le licenze o non leggono gli avvisi degli autori e non
si informano adeguatamente su cosa possono pubblicare o meno.
Nonchè quando si parla di questo tipo di siti, dove è possibile che
chiunque pubblichi materiale anche di terzi ci dovrebbero essere delle
persone con adeguata conoscenza che controllano ciò che viene
pubblicato ed eliminino in tempi brevi i link che non vanno bene, o se
vogliono possono utilizzare una procedura informatica che gli elimina
il lavoro e fa automaticamente il tutto (è un utopia lo so).

buona giornata a tutti.

-- 
"Il tempo non esiste"
Rashna
Micaela Gallerini



Maggiori informazioni sulla lista cc-it