[cc-it] [Community] Segnalazione: "Come utilizzare una licenza Creative Commons e guadagnare dalla libera circolazione della propria opera?"

Vittorio Bertola vb a bertola.eu
Mar 15 Lug 2008 04:59:16 EDT


Davide d'Atri ha scritto:
> no certo.. concordo abbiamo speso un bel po di caratteri... sempre un
> piacere però. no hard feelings tough!

Scusate se intervengo ex post nella discussione, non tanto per l'aspetto 
legale su cui non sono competente, ma per quello socio-economico, come 
uno degli autori di Vitaminic.

Non c'è alcun dubbio che anche le piattaforme tecnologiche siano 
intermediari: Vitaminic prendeva il 50% delle vendite sui brani a 
pagamento e ti faceva firmare un contratto di distribuzione, che 
differiva da quelli tradizionali soprattutto per la non esclusività (e 
non sapete quanto fu difficile far passare all'ambiente discografico 
questo concetto: è un ambiente dove tutto è basato sul "possedere" un 
artista, direi quasi carnalmente :-P ).

Le stesse piattaforme tecnologiche acquistano tranquillamente un potere 
di indirizzo: il fatto di "passare" un determinato artista in home page 
o meno diventa una promozione importante, che la piattaforma, una volta 
stabilito il proprio ruolo, comincia a gestire con attenzione o 
addirittura a vendere ai discografici tradizionali. Del resto, se andate 
oggi nella home page di MySpace ci trovate i Verve, non certo uno 
sconosciuto; nella classifica ci trovate Caparezza e Laura Pausini; 
magari in home c'è anche qualche box con "gli ultimi registrati" o con 
qualche sconosciuto, ma è messa lì per esclusivi motivi di marketing, 
ossia per preservare l'immagine del sito come "promotore di artisti 
indipendenti"... anche se i soldi li fa riciclandosi alle major come 
promozione alternativa per gli artisti che vogliono spingere loro.

Volendo, una volta che MySpace è diventato lo standard per promuovere la 
musica in maniera alternativa al canale discografico tradizionale, nulla 
gli vieta di cominciare a farsi pagare, magari lasciando gratuito l'uso 
assolutamente di base, ma chiedendo soldi per qualsiasi piccola cosa in 
più (è il cosiddetto modello "freemium" che stanno adottando tutti i 
siti "web 2.0"). Nel momento in cui io ti devo dare 50 euro al mese o il 
10% delle mie entrate per usare la piattaforma, credo che la differenza 
di ruolo rispetto a una casa discografica sia molto relativa.

Quello che cambia, se mai, è il rapporto di forza: grazie alla rete ci 
sono più artisti e più canali per raggiungere il pubblico a costo 
ridottissimo, e diventa meno vitale l'investimento di capitale delle 
case discografiche. Anche se, non appena raggiunge un minimo di fama, 
l'obiettivo di qualsiasi artista è firmare per una major, e ad 
abbracciare i modelli alternativi con successo finora sono stati 
soprattutto artisti già molto affermati, che quindi non avevano bisogno 
dell'apparato promozionale che ti dà una casa discografica.

Comunque, ben vengano le piattaforme di distribuzione fatte dal basso e 
magari senza scopo di lucro, male non fanno: alla fine è giusto che ogni 
artista scelga quali intermediari utilizzare, o se non usarne alcuno; 
l'importante è che il mercato sia libero da vincoli e monopoli, in modo 
che l'artista scelga l'intermediario solo se porta un effettivo valore 
aggiunto proporzionale al suo costo.


P.S. A proposito della puntualizzazione storica: quando Vitaminic è 
partito - nel giugno 1999, con uno scriptone in Perl che generava tutto 
il sito a partire da MySQL e intere scuole di pensiero a giurare che non 
si può fare una dot com seria senza investire un miliardo in licenze 
Oracle, solo che io non lo sapevo e l'ho fatto lo stesso - c'erano 
indubbiamente già vari siti attivi in mezza Italia, anche se nessuno con 
dietro un funding e una struttura aziendale di "grandi" dimensioni - 
"grandi" vuol dire una dozzina di persone all'inizio e 200 nel momento 
di massima espansione. Comunque, il sito che ha introdotto la pratica 
del download musicale digitale in Italia è senza dubbio il Progetto 
Prometeo, la raccolta di sigle dei cartoni animati creata nell'ottobre 
1996 all'UniMi via FTP e poi diffusa via Web dal sito studenti del PoliTo.

Ciao,
-- 
vb.                   Vittorio Bertola - vb [a] bertola.eu   <--------
-------->  finally with a new website at http://bertola.eu/  <--------




Maggiori informazioni sulla lista cc-it