[cc-it] [Community] Segnalazione: "Come utilizzare una licenza Creative Commons e guadagnare dalla libera circolazione della propria opera?"

Davide d'Atri davide a beatpick.com
Lun 14 Lug 2008 17:34:29 EDT


no certo.. concordo abbiamo speso un bel po di caratteri... sempre un
piacere però. no hard feelings tough!
un abbraccio,
d.

2008/7/14 Nicola A. Grossi <nag a area01.org>:

> Per rispondere a TUTTA LA LISTA, utilizzate il comando 'Rispondi a tutti' o
> 'Rispondi alla lista';
> con il comando 'Rispondi', invece, risponderete solo all'autore del
> messaggio.
> -------------------------------------------------------------------
> Davide d'Atri ha scritto:
>
> >
> > Cerco solo di rispondere a questa tua idea che generale della "musica
> > libera". é un'idea molto vaga e per certi versi anche vecchia. ripeto
> > è dal 98 con vitaminic che un artista può liberamente uplodare e far
> > scaricare la propria musica gratis. é dal 1948 (non ricordo
> > esattamente) che il codice civile italiano dice che un artista non
> > iscritto siae può liberamente diffondere in esercizi pubblici e
> > privati senza che l'esercente debba pagare la siae (naturalemente
> > l'esercente deve solo mettere musica non protetta siae).
> > è dal 2002 che il creative commons mette a disposizione strumenti
> > efficaci per la diffusione più o meno libera. é da qualche anno che
> > qualsiasi persona può creare senza troppi sforzi un database di musica
> > libera (esistono vari csm ready-to-go.. ti invito anzi a farne uno
> > così ti accorgi dei costi di gestione dell' "intermediazione"...)
>
> Non si tratta di far scaricare la musica gratis ecc. :-)
> Si tratta di creare i presupposti perché gli artisti possano trovare
> visibilità senza essere "adottati" da qualche intermediario.
> Si tratta di dare la possibilità agli artisti di gestire i propri
> diritti e gestire la propria musica in modo efficace e senza intermediari.
> Non esiste una ricetta, ma tante azioni che possono essere intraprese
> per arrivare a questo.
> Si tratta di perfezionare gli strumenti giuridici (perché hanno punti
> deboli): quello che tu chiami "troppa burocrazia".
> Si tratta di creare un database universale e di operare affinché i
> grandi parassiti non abusino della propria posizione (e si tratta di
> fare questo non con ciance, ma a suon di esposti).
> Si tratta di promuovere davvero gli artisti come fa, ad esempio, Anomolo.
> Si tratta di creare le piattaforme di cui ho detto.
> Si tratta di creare nuovi circuiti per la diffusione della musica (ad
> esempio con Filozero gli sconosciuti prendono il posto, negli esercizi
> pubblici, dei figli degli intermediari).
> In tutto questo non trovo traccia né di ambiguità né di senilità.
> Ma ognuno ha giustamente il suo punto di vista e vede quello che vuole
> vedere.
>
>
> >
> > Il nocciolo della vicenda è però che da una parte gli artisti hanno
> > molte più possibilità, dall'altra hanno difficoltà ad emergere come
> > sempre e a guadagnare... troppa musica in giro... e quindi fondamente
> > dare loro strumenti che ne possano facilitare la carriera e questi
> > strumenti devono essere diversi a seconda del segmento di mercato in
> > cui è presente l'artista (musica di nicchia, mainstream, emergente,
> > professionista, star...). Questi strumenti che tu lo voglia o no sono
> > forniti da "intermediari". che essi siano tecnologici, esperti,
> > professionisti, artisti loro stessi (o se preferisci chiamali in altro
> > modo...). questi intermediari sono la linfa vitale della competizione
> > alle società di collezione di compensi e alle major in quanto
> > aggregano artisti indipendenti e magari sconosciuti e li fanno
> > diventare per la prima volta quasi "potenti".  il 99% degli artisti
> > indipendenti si rivolgono a questi (da myspace all'etichetta
> > discografica sotto casa). I restanti tengono la musica nel cassetto.
> > che poi molti "intermediari" siano scorretti o che molti business
> > model non ci piacciono..beh.. su quello sono d'accordo.. ma dire che
> > l'artista indipendente può fare tutta una serie di cose da solo
> > attraverso la libera diffusione della musica è fuorviante. Diciamo che
> > siamo andati forse già un pò avanti.... erano argomenti di qualche
> > anno fa...
>
> Non credo proprio che sia descrivendo il sistema attuale ("che si
> alimenta attraverso delle flebo" (C) Elio) si possa delinearne uno
> migliore.
> "Che tu lo voglia o no" è una frase senza senso perché volere è potere e
> gli intermediari non sono la morte o un evento atmosferico... :-)
>
> "Che tu lo voglia o no" si può dire a uno schiavo. E in effetti c'è una
> logica schiavista dietro gli intermediari, gli Sfruttatori dell'era
> digitale.
> E non sai quanto si arrabbiano se provi a dirgli che non sono
> indispensabili. Ma la verità è che gli intermediari (oggi, non nel 1948)
> non sono indispensabili. Merito anche di CC avere diffuso questa
> consapevolezza. Ed è proprio questa non indispensabilità la chiave di
> volta per la liberazione degli autori, che oggi sono proprietari dei
> mezzi di produzione e di diffusione.
>
> Io credo che le nostre idee partano da posizioni comprensibilmente molto
> distanti e inconciliabili.
> Per cui valuta tu se valga la pena continuare questa discussione (specie
> in pubblico), visto che ci stiamo ripetendo già da un po'.
> Per quanto mi riguarda credo di avere espresso sufficientemente la mia
> opinione e non trovo stimoli ad andare avanti.
>
>
> bye
> nag
> _______________________________________________
> Questa e' la lista Community (Community a creativecommons.it)
> Per informazioni su questa lista visitate
> http://creativecommons.it/mailman/listinfo/community
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it