[cc-it] Segnalazione: "Come utilizzare una licenza Creative Commons e guadagnare dalla libera circolazione della propria opera?"

Davide d'Atri davide a beatpick.com
Lun 14 Lug 2008 05:35:46 EDT


Negli ultimi anni si sono moltiplicati i servizi per gli artisti e per gli
utenti. Questi servizi sono mirati da una parte ad aiutare l'artista
indipendente a farsi conoscere e/o guadagnare, dall'altra parte a
semplificare e/o rendere meno costoso l'accesso alla musica per l'utente.

Concentriamoci però sull'affare della catena di abbigliamento citata da
Ermanno: penso di poter raccontare qualcosa in quanto i fornitori della
musica siamo in parte noi. Prima di tutto -il sempre attivo- Ermanno è forse
inesatto. Lui dice: "In questo preciso istante circa 80 negozi di una nota
catena commerciale stanno diffondendo musica licenziata con Creative
Commons, senza corrispondere nulla a Siae o a Scf, risparmiando circa l'80%
sul costo delle licenze. Nello stesso momento alcuni autori/artisti stanno
ricevendo direttamente il compenso per la diffusione della propria musica
nel locali commerciali."

Magari lo stessero ricevendo direttamente... Non è così. In effetti è
servita l'intermediazione di una label specializzata in music licensing, una
sociètà specializzata in diffusione in esercizi pubblici e privati ed un
avvocato esperto e propositivo.
Questo in quanto Nicola non considera che il cliente (la catena di
abbigliamento) non vuole la musica ma vuole un servizio. é molto differente.
La catena di abbigliamento vuole qualcuno che gli trovi la musica giusta,
che gli organizzi le pratiche legali, che gli organizzi le playlist per un
anno, che magari gli fornisca gli impianti audio con relativa assistenza e
più in generale lo rassicuri che 365 gionri l'anno può chiamare qualcuno se
ci sono problemi. Se andate da una catena di abbigliamento a offrire la
vostra musica gratuitamente è possibile che non siano interessati. Sono
infatti interessati al servizio. Inoltre l'artista difficilmente può
proporsi come servizio in quanto questi clienti vogliono 500/1000/2000 brani
in una volta (di uno stesso genere..). L'artista ne ha 20 se va bene a
disposizione.... Quindi anche lo stesso artista dovrebbe mettersi insieme ad
altri artisti per offrire un servizio (ecco che torniamo
all'intermediazione...).

Lo stesso ragionamento si applica al music lciensing: le produzioni di film
e pubblicità vogliono parlare con un professionista che possa dare loro
servizi come music supervision, legali e più in generale essere efficiente,
veloce, sempre disponibile.
Lo stesso ragionamento si applica al business 2 consumer: a gli utenti non
basta più un semplcie database di musica. idea vecchia in quanto gia dal '98
ce ne sono stati parecchi, ma vogliono un servizio che possa aiutarli nella
scelta, nel trovare, nel comprare, nel condividere e più in generale nel
avere servizi per usufruire della musica.

In pratica pare che negli ultimi anni la musica ha sempre più valore se
accostata a servizi di qualsiasi genere. Questo perchè i vari meccanismi di
file sharing hanno praticamente ridotto il costo di un mp3 virtualmente a
zero... ecco quindi che gli artisti e gli intermediari devono trovare altre
modalità per guadagnare.

Un artista ha oggi 3mila differenti modi per distribuire la musica: se pensa
che delle percentuali siano troppo onerose, ha la possibilità di usare altri
servizi... nel campo delle music lciensing vi potrei citare 10 società che
offrono percentuali tra 10% e l' 85%! l'artista ha finalmente la possiblità
di scegliere quale servizio è più adatto alle sue esigenze e certamente ha
anche la possiblità di fare da solo.
Davide d'Atri


















2008/7/14 Nicola A. Grossi <nag a area01.org>:

> Vedi, quello che ti ho detto trova conferma anche nel testo di liberius:
>
> "l'opera circola su internet e viene ascoltata da una net label che
> sottoscrive un accordo con l'autore/artista per lo sfruttamento
> commerciale dell'opera, senza però chiederne l'esclusiva e con un
> riconoscimento all'autore del 50% delle entrate derivanti
> dall'allocazione nel mercato dell'opera"
>
> Ecco: qui stipulano il contrattino in base al quale la net-label diventa
> cotitolare dei diritti commerciali (il diritto di sfruttamento è in capo
> anche alla net-label, che lo eserciterà con varie limitazioni previste
> nel contrattino).
>
> "il soggetto che cura la diffusione di musica acquista, non in
> esclusiva, dalla net label i diritti di diffusione della musica per
> fornire il servizio "in-store" di musica d'ambiente"
>
> Il fatto che il "diffusore" acquisti i diritti (ovviamente non in
> esclusiva) dalla net-label e non dall'autore, conferma la suddetta
> cotitolarità.
>
> Quindi, non c'è mandato, non c'è vera intermediazione.
>
> A me questo sistema non piace e ho già spiegato perché, quindi non mi
> ripeterò.
> Però il problema a cui facevi riferimento non sussiste.
>
>
> bye
> nag
>
> Nicola A. Grossi ha scritto:
>
> >Beh, bisogna innanzituto chiedersi se un vero e proprio mandato c'è.
> >Se c'è una cessione dei diritti patrimoniali (bastano quelli per cui si
> >chiede il compenso, ok?) all'intermediario "di seconda mano",
> >il problema non si pone: il "parassita 2" riscuote compensi direttamente
> >in quanto titolare (ma anche cotitolare, perché no?) dei diritti
> >(poniamo anche soltanto del non tipizzato diritto di diffusione in
> >esercizi pubblici).
> >Finito il rapporto (definito in contrattino) tra autore e "parassita 2",
> >i diritti oggetto dello pseudomandato vengono ritrasferiti (come
> >previsto dal furbesco contrattino) all'autore.
> >Non si può parlare nemmeno di simulazione.
> >Con tanti saluti al monopolio SIAE. :-)
> >
> >
> >bye
> >nag
> >
> >Simone Aliprandi ha scritto:
> >
> >
> >
> >>>l'avv. Deborah De Angelis, membro del gruppo di lavoro
> >>>cc italia, ci segnala questo importante contributo,
> >>>che siamo lieti di portare alla vostra attenzione:
> >>>
> >>>http://www.culturalazio.it/culturaweb_2/wordpress_2/?p=1872
> >>>
> >>>
> >>>
> >>>
> >>Discutendo di questo progetto con uno stimato collega, mi si è
> >>insinuato un dubbio da cui, forse per mancanza di esperienza di tipo
> >>giudiziale in questo campo, non riesco ad uscire.
> >>Non c'è il rischio che quest'attività venga vista da un giudice come
> >>attività di intermediazione e dunque sia considerata in conflitto con
> >>l'esclusiva riservata alla SIAE per legge?
> >>Forse sto vaneggiando... in tal caso mi scuso, c'è caldo ed è sabato
> >>pomeriggio...
> >>Se invece la cosa ha qualche fondamento, inviterei gli altri legali
> >>della lista a dire la loro, poichè mi sembra davvero un punto
> >>centrale.
> >>Un caro saluto a tutti.
> >>
> >>
> >>
> >>
> >
> >_______________________________________________
> >cc-it mailing list
> >cc-it a lists.ibiblio.org
> >http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >
> >
> >
> >
>
> _______________________________________________
> cc-it mailing list
> cc-it a lists.ibiblio.org
> http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
>



Maggiori informazioni sulla lista cc-it