[cc-it] Richiesta informazioni - lecenze CC sul design

Simone Aliprandi simone.aliprandi a gmail.com
Mer 23 Apr 2008 05:59:11 EDT


Allora, fermiamoci un attimo. Non riesco più a seguire il filo del
discorso. Stiamo parlando di questioni di filosofia sociale o
questioni giuridiche. Perché nel primo caso non posso fare altre che
condividere (pur non completamente) il vostro disagio. Ma nell'altra
ipotesi devo invitarvi a riflettere, dato che la situazione non è
proprio come la prospettate.
Il diritto industriale non è il "lupo cattivo" e nemmeno il grande
nemico da abbattere senza pietà.
Questa visione non porta da nessuna parte. Infatti, come sostengono i
massimi esponenti del mondo opencontent, modelli innovativi - come ad
esempio le CC - si fondano proprio sui principi fondamentali del
diritto industriale.
A mio avviso è molto più costruttivo vedere il diritto industriale
come il punto di partenza per cambiare le cose. Si può fare, e si sta
già facendo.
Infine vi invito ancora a tenere distinti il piano concettale della
tutela della paternità e quello della regolamentazione dei diritti.
Capirete così che le CC non sono poi così inutili: basta usarle per la
loro reale funzione.
Un caro saluto, S.A.

2008/4/23, da_panoz <sblinda a gmail.com>:
> CIao Simone, Ciao a tutti,
> mi permetto di quotare il la mail
>
> On Mon, Apr 21, 2008 at 9:36 PM, Simone Aliprandi <
> simone.aliprandi a gmail.com> wrote:
>
> > Per rispondere sulla questione del rapporto fra CC e design (che tra
> > l'altro è un argomento che mi ha sempre incuriosito), prima devo
> > capire qual 'è il problema concreto.
>
>
> Il problema e' che come dici tu non c'e' forma di tutela da parte delle CC
> anche se oggi lo scambio di progetti lo si fa non piu' con la carta olio
> sporche di grafite sparsa dalle squadrette e dai goniometri ma da immagini,
> spesso rendering fotorealistici, testi e opere multimediali, la cui
> importanza "commerciale" diciamo e' molto importante.
>
>
> > Volete TUTELARE l'opera dal rischio che qualcuno se ne appropri,
> > oppure volete DISTRIBUIRLA in una modalità più elastica a livello di
> > gestione dei diritti?
> > Nella prima ipotesi, temo abbiate sbagliato posto: Creative Commons
> > NON E' UNA FORMA DI TUTELA. C'è scritto ormai ovunque, anche sulla
> > home-page del sito e l'abbiamo ripetuto milioni di volte in queste
> > liste.
> > Nella seconda ipotesi, ci si può ragionare; sempre tenendo presente
> > che il design industriale è sottoposto ad una tutela non proprio
> > identica (a livello giuridico) a quella per le opere dell'ingegno (e
> > appunto le licenze CC si rivolgono alle opere dell'ingegno).
>
>
> Ormai, come dicevo, il modo di comunicare e il prodotto visivo derivato dal
> progetto, e' assimilabile. E' lo scopo d'uso del progetto/immagine/testo
> che
> cambia. Nella seconda ipotesi c'e' quindi un mondo da esplorare. In che
> modo
> pero'?
>
>
> > E tenendo
> > presente anche che il brevetto (riferito invece alle invenzioni
> > industriali) è un'altra cosa ancora e non credo che qui c'entri.
>
>
> Hai perfettamente ragione, credo che sia a tutti chiaro. Stiamo pero'
> cercando di interpretare e di cercare nelle CC uno spunto per riproporre
> una
> nuova forma di distribuzione delle idee che parta dal presupposto che
> depositare all'ufficio brevetti un progetto o registrare i marchi, sia oggi
> una forma di selezione verso l'alto non piu' necessaria (almeno per la
> maggior parte delle "invenzioni", in qualsiasi forma esse vengano
> espresse).
>
>
>
> >
> > Interessante - almeno dal nome - l'iniziativa segnalata
> > "opensourcedesign", ma sul sito trovo poco informazioni. Qualcuno
> > saprebbe aggiungere qualcosa? Giusto per capire chi sono, cosa fanno e
> > come lo fanno.
>
>
> Abbiamo capito che il diritto industriale e la regolamentazione sui
> brevetti
> non permette nessuna interazione con altri tipi di distribuzione del sapere
> e che l'opera industriale, e piu' precisamente il progetto (come se fosse
> un'entita' astratta mentre invece e' un prodotto comunicativo qualsiasi),
> non avranno mai tutela se non tramite un dispendioso sistema di unzione
> delle ruote della burocrazia.
> I ragazzi di Torino hanno interpellato piu' di un avvocato e insieme
> sentito
> la voce di alcuni commercialisti.
>
> >
> > Infine... mi ricordo che su questa lista (o forse sulla community) nel
> > 2006 si era già parlato dell'eventualità di una applicazione delle CC
> > al design. Forse ricordo male, ma per sicurezza invito a dare
> > un'occhiata agli archivi.
> >
>
> Grazie per la dritta, ma credo che il discorso si debba spostare da
> un'altra
> parte, visto che a meno di non ipotizzare la progettazione di una licenza
> alternativa per la TUTELA del design "dal basso", le CC ci sono
> perfettamente inutili negli ambiti della produzione industriale.
> Aggiungo infine che il tema risulterebbe interessante anche per coloro i
> quali, attraverso le loro immagini, illustrazioni, montaggi e testi, non
> vogliano essere solo di ispirazione alla creazione di nuovi prodotti ma
> vogliano attivamente tutelarsi dagli avvoltoi. (da quelli degli uffici
> burocraticizzati che da quelli delle aziende).
>
>
> >
> > Un caro saluto,
> > --
> > Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org
> > _______________________________________________
> > cc-it mailing list
> > cc-it a lists.ibiblio.org
> > http://lists.ibiblio.org/mailman/listinfo/cc-it
> >
>


-- 
Simone Aliprandi - http://www.aliprandi.org



Maggiori informazioni sulla lista cc-it