[Cc-it] Bollini SIAE

riko fert rikofert a gmail.com
Gio 22 Nov 2007 09:08:00 EST


On Nov 22, 2007 1:08 PM, Nicola A. Grossi <nag a area01.org> wrote:
> >>Quindi perch? l'Italia avrebbe dovuto notificare alla Commissione
> >>una regola tecnica che non esiste nell'ordinamento interno?
> >>
> >>
> >
> >Non ho capito la domanda. Forse è perchè non ho avuto modo di studiare
> >bene la dinamica della questione.
> >Però è un argomento interessante. Sarebbe il caso di soffermarsi.
> >
> >
> >
> >
>
> Benché la questione pregiudiziale sia stata una "manna da cielo" (perché
> investe in toto la normativa sul "bollino"), non era necessario, ai fini
> processuali, sollevarla, perché non esiste una norma interna che prevede
> l'obbligo di apposizione del contrassegno SIAE sui supporti contenenti
> opere d'arte figurativa.
> Quindi perché l'Italia avrebbe dovuto notificare alla Commissione una
> regola tecnica che non esiste nell'ordinamento interno?
> La pregiudiziale (ed anche la sentenza) sembra dare per scontato il
> fatto che l'obbligo di apposizione del contrasegno SIAE non sia soggetto
> ad eccezioni.

scusate, ma se cosi' fosse sarebbe in torto da principio la Procura
della Repubblica di Forli' che nel lontano 2000 avvio' (e qui cito
Punto Informatico) "un'indagine preliminare nei confronti del
rappresentante legale della società in questione, "accusato" di
detenere - al fine di commercializzazione - una determinata quantità
di cd importati dalla Germania e contenenti riproduzione di opere
pittoriche. Motivo dell'indagine: i cd erano sprovvisti di bollino
SIAE."

Se ne deduce che sempre per la stessa Procura non e' rilevante il
contenuto del CD, ma il fatto che questo dovesse essere
commercializzato, che peraltro e' esattamente quello che ricordavo: il
bollino deve essere messo sul supporto per il semplice fatto che lo
stai vendendo in Italia.

Nella sentenza infatti (sempre PI) ", la Corte spiega come le norme e
le regolamentazioni tecniche che prevedono "l'obbligo di apporre sui
dischi compatti contenenti opere d'arte figurativa il contrassegno
SIAE in vista della loro commercializzazione nello Stato membro
interessato, costituiscono una regola tecnica che, qualora non sia
stata notificata alla Commissione, non può essere fatta valere nei
confronti di un privato". Una notifica che non c'è stata."

> Un passo in avanti o uno indietro? Vedremo. Io prevedo, dopo questo
> "scossone", un nuono assestamento normativo. Non sono particolarmente
> ottimista.

Credo sarebbe un grande passo in avanti se solo tutti gli italiani
(artist@,musicist@,etc) cominciassero a vendere/distribuire CD
contenenti materiale coperti da diritto d'autore, magari non
registrato in SIAE, e comprati online(o cmq non in Italia) senza
apporre il bollino suddetto.

La SIAE o chi per lei si ritroverebbe nella condizione di dover
affrontare una moltitudine di processi eventuali in cui gia' saprebbe
di ritrovarsi sconfitta in sede processuale...ma nel nostro paese la
capacita' di fare tutto questo rimane un sogno...quindi credo "un
passo indietro" perche' ora avranno tutto il tempo di legiferare
nell'indifferenza italiana, trovando il modo di rilegittimizzare
questi dazi ottocenteschi.

salut



Maggiori informazioni sulla lista cc-it