[Cc-it] web radio Creative Commons

Carlo Trevisan trevisan.carlo a gmail.com
Mar 15 Maggio 2007 05:40:56 EDT


Salve a tutti,

mi chiamo Carlo Trevisan e mi sono appena iscritto alla mailing list. Mi
scuso fin da subito se le domande che far˛ dovessero essere giÓ stata
discusse in passato, ma negli archivi e nelle FAQ non ho trovato niente che
"facesse luce" in modo esplicito rispetto a quello che sto cercando di
capire in questi giorni...

Vengo al dunque:

sto progettando assieme ad altri compagni di avventura (in gran parte
musicisti come me...) la costruzione di una sorta di web radio per musicisti
non iscritti alla Siae (o ad altre organizzazioni parallele straniere), che,
*se disponibili* a rilasciare una licenza Creative Commons, possano
liberamente uploadare la loro musica.

I quesiti:

Che tipo di obbiezione potrebbe sollevare la Siae o un altro istituto
equivalente straniero ad una web radio che diffonde
gratuitamente musica rilasciata con licenze Creative Commons?
Ovvero... potrebbe essere imposto ad una web radio di questo tipo il
pagamento di qualche "licenza per la diffusione della musica", posto che gli
autori dei brani non sono iscritti alla Siae (o ad altro Istituto
equivalente straniero), o che, pur esendo iscritti a qualche organizzazione
*straniera,* decidono di licenziare parte della loro musica con C.C.?
In altri termini... una web radio deve pagare comunque solo per il fatto di
essere una radio, o il pagamento Ŕ subordinato al tipo di licenza applicata
alla musica?

Provo a dirlo in modo diverso con un esempio: le legislazioni, in materia,
equiparano Pandora a Jamendo?

E' complicato per una web radio "che fa girare" musica Creative Commons
armonizzarsi a tutte le legislazioni del mondo... nel momento in cui
musicisti da tutto il mondo dovessero uploadare la loro musica (ipotesi
stravagante ma neanche tanto...)?

Ho letto in rete circa l'accanimento (economico) che si sta scatenando nei
confronti delle web radio che diffondono musica coperta da copyright
tradizionale... come ad esempio Pandora, ma non ho trovato quasi nulla che
riguardi altre realtÓ come Jamendo che adottano un modello completamente
diverso (le Creative Commons per l'appunto) e sembrano viceversa in
crescita. Mi pare di capire che Jamendo sia in qualche modo immune da certe
"mazzate" proprio per la natura delle licenze adottate...


Vi ringrazio tutti per l'attenzione e mi scuso se per molti di voi queste
questioni dovessero risultare giÓ sentite e risentite...!

Cordialmente...

Carlo trevisan
-------------- parte successiva --------------
Un allegato HTML Ŕ stato rimosso...
URL: http://lists.ibiblio.org/pipermail/cc-it/attachments/20070515/e52a3f77/attachment.html 


Maggiori informazioni sulla lista cc-it