[Cc-it] autoproduzione bis

scarph scarph a autistici.org
Mer 14 Mar 2007 05:21:10 EDT


alessandro porro ha scritto:
> - dato che abbiamo diritto di paternità sulle nostre opere fin dal 
> momento in cui prendono forma udibile,  se stampassimo un cd e 
> tentassimo di venderlo (ovviamente appoggiandoci a una partita iva), la 
> Siae non potrebbe aver nulla da ridire? Chiedo questo perché ho saputo 
> di casi di multe altissime a persone che vendevano il proprio Cd privo 
> del famoso bollino SIAE.
>   
purtroppo se stampi dei cd o qualsiasi altro supporto, anche se utilizzi
una licenza Creative Commons, devi comunque pagare il bollino della
SIAE. Pagherai di meno, nel senso che al momento della richiesta
attesterai che si tratta di materiale non tutelato dalla SIAE, ma
comunque dovrai pagarli e applicarli su tutti i cd. In Italia CD senza
bollino non possono circolare a meno che...
http://www.softwarelibero.it/bollino/
> - se il diritto di paternità è un dato di fatto così assodato, e sento 
> continuamente musicisti lamentarsi di quanto siano ladri quelli della 
> SIAE (e tra l'altro come ho visto non tutelano nessun diritto di 
> paternità) perché non sono a conoscenza di gruppi che pubblicano un 
> proprio lavoro senza appoggiarsi a un ente tanto discusso? Ci si 
> lamenta soltanto e poi si percorre la strada più semplice solo perché 
> il mercato discografico in Italia è così difficile tanto da far 
> naufragare ogni dubbio etico?
>   
...in realta' (e per fortuna) ci sono una quantita' notevole di gruppi
che pubblicano materiale con licenze copyleft e/o CC, senza passare per
la SIAE...anche se cmq, la seconda che hai detto, e' senz'latro vera :)

ciao
scarph



Maggiori informazioni sulla lista cc-it