[Cc-it] discussione pubblica

Nicola A. Grossi k2 a larivoluzione.it
Gio 23 Ago 2007 06:28:46 EDT


Max Mel ha scritto:

>La bozza di discussione pubblica in merito alla “Licenza Creative Commons
>Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia” offre notevoli punti di
>confronto e soprattutto di riflessione in merito alla “tutela della volontà
>dell’autore” al fine di proteggere la propria opera.
>
>Tra i vantaggi delle CC sicuramente possiamo affermare che rappresentano una
>sfida culturale alla classica “tutela tradizionale dell’opera”, dall’altra
>hanno lo svantaggio di essere importate da un sistema giuridico anglosassone
>e per questo hanno la difficoltà di convivere con un il quadro normativo
>italiano che ha posto la base alla piramide economica del “diritto
>d’autore”.
>
>La mia esperienza in campo legislativo mi impone di dover valutare ogni
>parola che viene inserita in un testo, ma prima ancora, di dover fissare
>bene gli obbiettivi che la stessa norma vuole raggiungere; pertanto proverò
>a sottoporre al Vs. giudizio alcune semplici considerazioni rese dalla
>difficoltà data dalla traduzione/adattamento dall’inglese all’italiano vuoi
>sotto il profilo linguistico, vuoi sotto il profilo giuridico.
>
>Inizio dal “cappello introduttivo” il quale credo che si possa sostituire in
>“Premessa”, qui si legge: L’ASSOCIAZIONE CREATIVE COMMONS (DI SEGUITO
>"CREATIVE COMMONS") NON È UNO STUDIO LEGALE E NON FORNISCE SERVIZI DI
>CONSULENZA LEGALE. LA DISTRIBUZIONE DI QUESTO MODELLO DI CONTRATTO DI
>LICENZA NON INSTAURA UN RAPPORTO AVVOCATO-CLIENTE. CREATIVE COMMONS FORNISCE
>INFORMAZIONI DA CONSIDERARSI “COSI’ COME SONO”. CREATIVE COMMONS NON PRESTA
>ALCUNA GARANZIA PER LE INFORMAZIONI FORNITE E SI ESIME DA OGNI
>RESPONSABILITÀ PER I DANNI DERIVANTI DALL’USO DELLE STESSE.
>
>Ritengo che lo stesso paragrafo possa essere inquadrato in tal senso:
>
>“L’Associazione Creative Commons (di seguito Associazione) non è un Ente o
>uno studio giuridico, pertanto non fornisce servizi di consulenza o tutela
>legale. La distribuzione di questo modello di licenza non instaura alcun
>vincolo etico-giuridico tra l’Associazione e gli aderenti alla licenza.
>L’Associazione non presta alcuna garanzia per le informazioni rese che
>pertanto sono recepite dagli aderenti su base libera e volontaria senza
>costituire altresì alcun vincolo di responsabilità, anche solidale, per i
>danni derivanti dall’adozione della Licenza Creative Commons
>Attribuzione-Condividi allo stesso modo 3.0 Italia”
>
>Prima di andare avanti, chiedo il Vs. prezioso parere sulla sostituzione
>nella sezione “definizioni” dei termini "Tu/Te" in “Beneficiario” (da
>intendersi sempre a titolo gratuito) questa sostituzione semplificherebbe da
>un lato la genericità di una traduzione dall'“inglese-italiano” dall’altra
>faciliterebbe la lettura del testo sotto il profilo giuridico.
>
>Temo che inquadrare al meglio i confini del testo, faciliti successivamente
>l’adattamento, anche giuridico, della licenza nel nostro Paese facilitando
>il compito degli operatori che adotteranno una CC.
>
>Un cordiale saluto
>Massimo Melica
>www.massimomelica.it
>
>_
>  
>


Condivido tutto ma, secondo me, queste modifiche qui non verranno 
apportate perché non sono necessarie.
Cioè, il testo è sempre stato migliorabile, ma vige un accordo tra cc.it 
e cc.org sulla base del quale cc.it può
apportare adattamenti alla traduzione pressoché letterale solo in 
presenza di gravi motivi:
quindi, ad esempio, incompatibilità di diritto interno (è in questa 
direzione che vanno gli inviti a segnalare contraddizioni concettuali... ).

Si può certamente pensare di cambiare qualche parola ("cappello 
introduttivo" è orribile), ma
pensare di riscrivere meglio tutta la premessa o di sostituire il 
"Tu/Te" (che è in tutte le licenze tradotte... c'è insomma anche 
un'esigenza di "omogeneità internazionale") è quasi utopico.

Dico questo per non far perdere del tempo a chi volesse riscrivere 
meglio la licenza. :-)

Se poi vengo smentito, molto molto meglio.

bye
nag




Maggiori informazioni sulla lista cc-it